ecobonus sismabonus 2020 2021 2022

Banca di Credito Cooperativo di Carate Brianza è uno dei primi operatori finanziari già attivi nella gestione delle operazioni di acquisto dei crediti d’imposta relativi al Superbonus 110% (previsto dal Decreto Rilancio – Decreto legge 19 maggio 2020 n. 34).

Il decreto prevede che alcuni interventi di riqualificazione degli immobili, capaci di conseguire un significativo incremento a livello di risparmio energetico, e gli interventi di messa in sicurezza antisismica, consentano di maturare il diritto a beneficiare di una detrazione dall’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) del 110% relativamente alle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021 (30 giugno 2022 per gli interventi realizzati da Iacp comunque denominati).

BCC Carate Brianza, con l’intento di cogliere in maniera tempestiva le opportunità presenti nel “Decreto Rilancio” in tema di eco-sismabonus,  per il tramite della capogruppo Iccrea Banca, ha siglato un accordo commerciale con la società specializzata AAtech Srl, al fine di potersi avvalere di un servizio consulenziale e di assistenza per la gestione degli adempimenti previsti dalla normativa di settore. I clienti potranno così essere sostenuti in tutti i passaggi del processo di maturazione del credito di imposta. Percorso, questo, abbastanza articolato, che prevede la cura di tutti gli aspetti tecnici e documentali per il deposito della pratica nella piattaforma implementata dall’agenzia delle Entrate e di ENEA per l’accesso al Superbonus.

Beneficiari sono le persone fisiche, giuridiche, i condomìni che, grazie al Superbonus 110%, potranno perfezionare i primi contratti per le loro operazioni di efficientamento energetico, conseguendo un miglioramento di due classi (ove non sia possibile, il raggiungimento della classe più alta) e sfruttando così appieno i benefici fiscali introdotti dal decreto.

Tale detrazione può essere utilizzata a titolo personale, formare oggetto di trasformazione in un credito d’imposta per un importo corrispondente da cedere alla banca, o essere trasferita a chi esegue i lavori attraverso il meccanismo dello sconto in fattura. L’impresa a sua volta può cedere il credito così ottenuto alla Banca stessa che si impegna a monetizzarlo.

Gli operatori della banca sono disponibili, ovviamente per telefono o in filiale solo su appuntamento, considerato il periodo di emergenza Covid, ad ascoltare le esigenze di chi ha già intenzione di affrontare questi tipi di interventi. La banca, previa valutazione del merito creditizio, è in grado di prefinanziare gli investimenti con agili finanziamenti di breve durata, in attesa che venga perfezionata l’apertura del cosiddetto “cassetto fiscale”. È un servizio, quello dell’acquisto del credito d’imposta Superbonus, che aggiunge ulteriore forza agli interventi sul territorio da parte della BCC di Carate Brianza.

Sede BCC Carate Brianza

Remo Mariani, Direttore Commerciale di BCC Carate Brianza: «Ritengo che, come spesso avviene, la capacità dei nostri uomini nella relazione con la clientela sarà determinante per facilitare la comprensione di un’operatività che, a prima vista, così come uscita sui giornali, può rischiare di creare errate interpretazioni. Quello che è importante sapere è che, come banca del territorio, attraverso la partnership sviluppata con AAtech, abbiamo modo di assistere le varie fasi del processo che permetterà alla nostra clientela di accedere ai vantaggi dell’agevolazione fiscale».

Articolo precedenteUn secolo di Eva Fischer …di Alan Davìd Baumann
Articolo successivoFederico Lastrina. Imprenditore del Luxury Service di successo