SAN DONATO GALUGNANO CITTA D'ARTE
SAN DONATO GALUGNANO CITTA D'ARTE

San Donato e Galugnano

San Donato sindaco Alessandro Quarta
San Donato sindaco Alessandro Quarta

il gran fascino vintage

Con un Video-Stories la Città partecipa per la prima volta alla BIT di Milano 2022

Galugnano Chiesa Annunziata
Galugnano Chiesa Annunziata

Il cortometraggio raggiunge 6mila persone in tre giorni su FB e ottiene quasi 3mila visualizzazioni e 85 condivisioni. Qual è il sogno di ogni viaggiatore? Fare amicizia con gli abitanti del posto ed essere guidati alla scoperta di luoghi, saperi e sapori al di fuori dei classici circuiti turistici.  Dal fascino degli altari barocchi nella chiesa madre al ruggito del Leone, da Terron Fabio dei Sud Sound System alle nuove tendenze giovanili, in questo cortometraggio i protagonisti sono gli abitanti di San Donato e Galugnano, che si raccontano e raccontano storie coinvolgenti sui loro borghi, così ricchi di cultura, saperi, beni architettonici e artistici. Saranno loro a guidarvi, come veri amici, alla scoperta degli angoli più suggestivi e dei saperi più autentici. Ed è così che San Donato e la frazione di Galugnano partecipano per la prima volta alla BIT di Milano 2022.

Sandonato ricetteTIPICHE pampasciuni
Sandonato ricetteTIPICHE pampasciuni

Spiega il sindaco, Alessandro Quarta: “San Donato con la sua deliziosa frazione di Galugnano è Città d’Arte e di Cultura, Città che Legge, Città dello Sport, Ambasciatore nazionale. E’ una città ricca di storia che affonda le sue radici nell’età del Bronzo quando qui esisteva uno più antichi e grandi insediamenti del Salento. Sono tanti gli attrattori: non solo le bellissime piazze, le chiese e i monumenti, ma anche i beni immateriali che sono i valori e i saperi custoditi dai suoi abitanti”.  “Abbiamo tante bellezze nascoste”, dice l’assessore Ilenia Taurino. “Per questo i nostri due borghi meritano di essere promossi alla Bit di Milano con l’obiettivo di attrarre viaggiatori colti, curiosi e appassionati, desiderosi di provare nuove emozioni”.

Sandonato MuseoVivente
Sandonato MuseoVivente

L’itinerario, che vede gli abitanti i veri protagonisti, è raccontato in una Video Stories, un cortometraggio firmato dalla giornalista salentina Carmen Mancarella, direttore della rivista di turismo e cultura del Mediterraneo Spiagge (www.mediterraneantourism.it) e realizzato nell’ambito di un importante progetto “Alla scoperta della bellezza, identità celata”, voluto da Unione Europea, Regione Puglia, Por 2014-2020 e seguito dalla consigliera Anna Rita Perrone. Sebbene duri più di 24 minuti il cortometraggio ha ottenuto quasi tremila visualizzazioni in meno di tre giorni per un valore di oltre 6mila persone raggiunte e 85 condivisioni.

San Donato Galugnano Casa Museo Martina
San Donato Galugnano Casa Museo Martina

San Donato ha dato i natali e ospita gli studi di produzione del famoso gruppo musicale Sud Sound System. Dice Terron Fabio: “Siamo stati ispirati dalla bellezza di questa città per la nostra musica dai ritmi giamaicani. Ci guardavamo intorno e avevamo tantissimi bellissimi spazi per proporla e farla ballare: le masserie, le campagne, le spiagge del Salento”.  Si va a spasso per Galugnano e San Donato, visitando veri e propri Musei viventi, come il Museo che si trova a pochi metri di distanza dalla Chiesa Madre, dove i soci dell’Associazione Amici del Presepe organizzano a Natale un delizioso presepe vivente e, durante tutto l’anno, accolgono i turisti e le scolaresche, facendo loro vedere come funzionavano gli attrezzi di un tempo. Dal telaio ai banchi di scuola con penna e calamaio…

San Donato Museo Vivente
San Donato Museo Vivente

A Galugnano tappa nel Museo Martina dove, tra i tanti  utensili e mobili che scandivano la vita quotidiana di un tempo, vi emozionerete nel vedere il corredo di un soldato che partecipò alla Prima Guerra Mondiale.  Tra mandorli in fiore e trulli senza cono (le cosiddette pagghiare o pajare), i due dolmen Lete e Aia Vecchia vi condurranno verso la Chiesa della Madonna della Neve, affrescata dagli stessi artisti della vicina Basilica di Santa Caterina D’Alessandria a Galatina.

A Galugnano poi è molto sentita la festa del primo venerdì di marzo dedicata alla Madonna Addolorata, detta dagli abitanti del posto, La Madonna te li Pampasciuni, perché l’arrivo della Festa coincide anche con l’arrivo nelle campagne dei deliziosi pampasciuni, tipiche cipolline selvatiche dal gusto amarognolo, dette in italiano MUSCARI, che vengono preparate in mille modi proprio in occasione della festa, legata a una bellissima chiesa che si trova al Cimitero: la chiesa della Madonna della Pietà dal doppio altare bizantino e barocco.

Per le vie del paese di diffonde il profumo del pane appena sfornato nei forni di pietra. E per gli amanti del vintage è d’obbligo una tappa nell’Emporio, uno dei primi centri commerciali del Salento, dove tutto sembra essersi fermato ai mitici anni 50, 60 e ’70.Tradizionale, innovativa, internazionale San Donato e Galugnano vi aspettano per non farvi andar più via.

Video  Stories https://www.facebook.com/620441691475750/videos/673851780488333

Canale you tube ihttps://youtu.be/ZjE33Sf2S7k

e il documentario completo

#salento #bit2022 #sandonato #galugnano #sudsoundsystem

Carmen Mancarella
By Carmen Mancarella
Articolo precedentePasqua 2022. L’arte del riutilizzo delle confezioni Loison
Articolo successivoMilano. Al Carcano “L’Amore Segreto di Ofelia”