24orenews Web E Magazine

 

 

26° Festa del Mandorlato

Cologna Veneta (VR)

dal 4 all’8 dicembre 2010

 

 La redazione di Italia da Gustare vi invita alla 26° edizione della Festa del Mandorlato 2010, un  grande appunatmento enogastronomico delle Terre Venete ma vediamo il programma e conosciamo questa cittadina Veneta. 

 

 

SABATO 4 DICEMBRE 2010

16,00 Apertura dei chioschi dei Produttori storici del Mandorlato in corso Guà

17,00 Apertura “Mostra Mercato del Mandorlato” Mostra artigianale e commerciale del Colognese in piazza Duomo –18,00 Apertura chiosco gastronomico RISCALDATO con “La nostra tradizione in tavola”

 

DOMENICA 5 DICEMBRE 2010

9,00 Apertura dei chioschi in corso Guà

9,00 Apertura “Mostra Mercato del Mandorlato” in piazza Duomo

10,00 Apertura del “Villaggio antiche arti e mestieri” in piazza del Mandamento

11,00 MUNICIPIO – SALA CONSILIARE:  Inaugurazione della 26a Festa del Mandorlato  Consegna della Medaglia d’oro “Cologna Veneta Città del Mandorlato” a Luciano Dalla Bona

11,30 5a Mostra del Radicchio Rosso del Guà premiazione degli espositori e degustazione risotto al radicchio  11,30 Apertura chiosco gastronomico RISCALDATO con “La nostra tradizione in tavola” 16,30 Duomo di Santa Maria Nascente: Concerto Mariano “Benedetta sia Maria” Coro del Duomo di Cologna Veneta  18,30 La Compagnia del Sipario Medievale presenta “Il Presepe Vivente” in piazza del Mandamento.

 

LUNEDI’ 6 DICEMBRE 2010

16,00 Apertura dei chioschi in corso Guà

17,00 Apertura “Mostra Mercato del Mandorlato” in piazza Duomo

18,00 Apertura chiosco gastronomico RISCALDATO con “La nostra tradizione in tavola”

20,30 Teatro Comunale: “serata Corale di beneficienza”Coro Città di Soave ( Soave – VR ) – dir. Gianluca Brigo Coro Jupiter ( Castel d’Azzano – VR ) – dir. Alberto Perbellini Coro Scaligero di Cologna Veneta ( Cologna Veneta –VR ) dir. Michele De Taddei

 
italia da gustare

MARTEDI’ 7 DICEMBRE 2010

16,00 Apertura dei chioschi in corso Guà

17,00 Apertura “Mostra Mercato del Mandorlato” in piazza Duomo

18,00 Duomo di Santa Maria Nascente Santa Messa solenne:

2a GIORNATA MANDAMENTALE DEL RINGRAZIAMENTO celebrerà Mons. Antonio Corrà

18,00 Apertura chiosco gastronomico RISCALDATO con “La nostra tradizione in tavola”

20,30 Al chiosco gastronomico RISCALDATO Il Sapore della Storia: Il Maiale – € 25,00 a persona

In collaborazione con: Slow Food – Condotta Valli Grandi Veronesi  Strada del Vino ARCOLE e Coldiretti di Cologna Veneta  Prenotazioni e prevendita presso: CHIOSCO GASTRONOMICO Bar Paninoteca “LA GARGOTE” – Edicola “ENIGMA” Tabaccheria “GOBBI DIEGO” – Tabaccheria Edicola “GRAZIA”

 

italia da gustare

MERCOLEDI’ 8 DICEMBRE 2010

9,00 Apertura dei chioschi dei Produttori storici del Mandorlato in corso Guà

9,00 Apertura “Mostra Mercato del Mandorlato” in piazza Duomo

10,00 Apertura del “Villaggio antiche arti e mestieri” in piazza del Mandamento

11,00 Palazzo Fondazione Dal Zotto: Inaugurazione della sede AVIS del Colognese

11,30 Apertura chiosco gastronomico RISCALDATO

con “La nostra tradizione in tavola”

18,30 La Compagnia del Sipario Medievale presenta “Il Presepe Vivente” in piazza del Mandamento

 

italia da gustare

DOMENICA 19 DICEMBRE  2010

7,30 23a Marcia del Mandorlato – Manifestazione podistica non competitiva di 10 e

18 Km e minimarcia di 6 Km con partenza da via Chioggiano (ex Corderia) MOSTRE ARTISTICHE -Teatro comunale – Sala primo piano: Mostra collettiva d’arte contemporanea “MILLE COLORI, UN SOLO CUORE”

a cura di Gian Luigi Bonfante esporrà “Nodo Insolito – Cenacolo artistico”Inaugurazione sabato 4 dicembre alle ore 17 Dal 4 al 12 dicembre 2010  – Apertura sabato e festivi dalle 10 alle 12,30 e dalle 15 alle 19,30

Piazza Duomo, Sala Civica (Ex Monte di Pietà): Mostra di pittura “IL SOLE DE NTRO” Esporrà Roberto Calluro di Parma Inaugurazione sabato 4 dicembre alle ore 18,00 Dal 5 all’8 dicembre – Apertura dalle 10.30 alle 12,30 e dalle ore 15.30 alle ore 19 – lunedì mattino chiuso  DURANTE TUTTA LA MANIFESTAZIONE FUNZIONERA’ RICCO STA ND GAST RONOMICO in AMBIE NTE RISCALDAT O

 

Piazza Duomo: MUSEO CIVICO (ex Monte di Pietà) visite guidate

Lunedì 6 dicembre 2010 dalle ore 15 alle ore 18 – Martedì 7 dicembre dalle ore 17 alle ore 19

Mercoledì 8 dicembre  2010 dalle ore 15 alle ore 18

 

 

COLOGNA VENETA (VERONA – ITALIA)

Cologna Veneta è una piccola perla nel cuore del Veneto. Antica colonia romana, vanta pregevoli architetture e rinomate tradizioni  locali grazie al suo variegato percorso storico. Fondata attorno al I secolo a.C. Cologna diviene centro fortificato in epoca altomedievale. Con l’affermarsi della Repubblica di Venezia, all’inizio del ‘400 il territorio colognese viene aggregato al Dogado. Cologna diviene capoluogo di un Mandamento costituito da ben 13 ville e le viene conferito il titolo di “città”. Dalla fine dell’Ottocento scavi archeologici sul territorio colognese hanno restituito numerosi reperti databili dal Neolitico all’età Romana, passando per l’età del Ferro e del Bronzo. frutto di una storia davvero antica. I primi documenti spiegano infatti che già nel Settecento c’era chi a Cologna Veneta produceva ed esportava il Mandorlato ma, secondo alcuni storici, non è da escludere che ancora prima questo raffinato dolce costituisse un regalo natalizio diffuso a Venezia. Cologna Veneta mantiene viva l’appartenenza alla Serenissima rievocandola ancora oggi all’approssimarsi di ogni Natale, quando da qui partono per destini vicini e lontani le confezioni di quel Mandorlato che costituisce la prova tangibile, oltre che estremamente piacevole per il palato, di un legame antico e di una storia capace di rinnovarsi continuamente.

 

LA TERRA DI DOLCI, CANDIDI, SOGNI

Cologna Veneta, Comune posto a cavallo fra l’Est ed il Basso Veronese, è il luogo di produzione del Mandorlato. Raffinato dolce fatto di miele, mandorle e albume d’uovo che di Cologna Veneta rappresenta una produzione così tipica da averla resa conosciuta in tutto il mondo. Il Mandorlato, rappresenta il Fin dagli albori l’ingegno dei colognesi si è sviluppato con un fiorente artigianato, dalla lavorazione della canapa, la più resistente della Serenissima, all’arte del merletto con il punto Cologna. La fertilità del territorio, inoltre, ha permesso le coltivazione di numerosi prodotti tra i quali la patata tipica del Guà e il Radicchio Rosso di Verona, ancora oggi apprezzati.

 

TERRE D’ACQUA e TERRE DI FUOCO  Il Veneto che non ti aspetti

                     LE TERRE D’ACQUA

In una terra ricca di fiumi, il delicato ecosistema garantiva produzioni di eccellenza. Nella zona delle risaie, dove veniva prodotto il riso Vialone Nano Veronese che oggi si fregia della certificazione IGP, diverse  varietà di pesci d’acqua dolce crescevano e si moltiplicavano nei fossi attorno alle risaie, entrando nel terreno di coltivazione del riso nella fase che prevedeva l’apertura delle paratie per sommergere le piante. In questi casi il pesce entrava nelle fosse scavate a reticolo per raccogliere l’acqua quando poi il riso doveva essere messo in secca. I ricavi dalla vendita del pesce rappresentava un ottimo complemento al reddito agricolo e nei menù delle famiglie come nei ristoranti della zona non potevano mancare “aole” “saltarei” carpe e tinche. Oggi la situazione è molto cambiata; i moderni metodi di produzione del riso, ma soprattutto il sistema di gestione dei corsi d’acqua, sono difficilmente compatibili con le attività di produzione intergrata per cui è sempre più difficile per il pesce trovare un habitat idoneo alla sopravvivenza. A questi territori appartiene un’altra eccellenza Veronese il Mandorlato di Cologna Veneta, un dolce tradizionale storico la cui ricetta risale al ‘500, che verrà servito a conclusione del Menù “sapori delle terre d’acqua”. Slow Food Valli Grandi Veronesi sta conducendo una battaglia di sensibilizzazione perché si affianchino alle moderne produzioni anche attività più eco-sostenibili.

 

                        LE TERRE DI FUOCO

Vini bianchi di emerse a Vulcania, la fucina segreta di Vulcano, il forum internazione dei vini bianchi da suolo vulcanico. In pratica possiamo pensare oggi ai suoli del Soave come a dei paleosuoli che, diversamente da altri ambienti vulcanici, pur essendo antichi, non hanno subito i normali fenomeni di erosione tipici dei suoli vulcanici. Esistono infatti sui colli del Soave profondità e strutture che hanno stupito gli stessi ricercatori. Oggi a Soave si sente la necessità di focalizzare l’attenzione sugli aspetti che caratterizzano questa zona, sugli elementi non esportabili in quanto legati, appunto, al suolo e alle sue origini. I vitigni, le forme di allevamento della vite e gli enologi possono muoversi liberamente, o quasi, attraverso tutte le latitudini e le principali aree vitivinicole del mondo. Ma i suoli e le loro intrinseche caratteristiche non sono ripetibili. Ecco quindi un’altra occasione origine magmatica come una possibile nuova tipologia non solo per catalogare i vini da un punto di vista tecnico enologico ma anche economico. Questa è una delle interessanti chiavi di lettura che sonoper Soave di ribadire il suo ruolo di riferimento nel mondo del vino bianco, attraverso una lettura di quello che è, attualmente, il migliore antidoto alla globalizzazione: l’esaltazione di quei caratteri non riproducibili in altri luoghi. In occasione del salone del gusto proponiamo una serie di assaggi   ma

ndorlata italia da gustare

MANDORLATO Cologna V eneta I SAPORI DALLE TERRE DELL’ACQUA

Crema di Marano con aole fritte

Gamberetti d’acqua dolce

Risottino mantecato con tinca ed erbette Luccio in salsa con biscotto di polenta brustolà

Mandorlato di Cologna Veneta

I VINI DALLE TERRE DEL FUOCO

Il Durello dei Lessini

Il Soave Superiore

Il Recioto di Soave

Il Nero d’Arcole

COLLABORAZIONI        mandorla italia da gustare

Consorzio Tutela vini Soave e Recioto di Soave

Consorzio Tutela Lessini Durello

Consorzio Tutela Arcole DOC

Consorzio Riso Vialone Nano

Ente fiera città di Cologna Veneta

Trattoria dal Mantoan di Gazzo Veronese (VR)

Garzotto Rocco & Figlio

chef Sandro della Trattoria dal Mantoan – Gazzo Veronese (VR)

chef Galliano del Ristorante da Aldo – Aselogna di Cerea (VR)

I consorzi interessati organizzano una visita per il giorno inaugurale del Salone del Gusto

PROGRAMMA

Giovedì 21 dicembre 2010  ore 8:00

Partenza con pullman dal parcheggio di Borgo Covergnino Soave

Ore 8:20 Fermata al casello di Verona Sud

Ore 12:00 arrivo a Torino Salone del Gusto

Ore 12:30 visita libera al Salone

Ore 15:00 Verona Wine Top – presentazione della nuova guida ( Padiglione 2 …)

Ore 16:00 La Stortina veronese e il Nero D’Arcole, Comunità del cibo di Terra Madre.

Ore 19:00 Terre d’Acqua e terre di Fuoco, degustazione guidata presso lo stand della Regione Veneto ( Padiglione 2)

Ore 20:00 Ritorno

Ore 23:30 Arrivo a Soave

Ente Fiera Città di Cologna Veneta

Sede: c/o COMUNE DI COLOGNA VENETA Verona – Italia

Piazza Capitaniato, 1 Tel. +39 0442 413511    italia da gustare mandorlata

 

 

 
Fonte:UffStamp.Com.Cologna Veneta

Articolo precedenteVACANZE AD ISCHIA: UN PORTALE GUIDA PER NON PERDERSI NEL MAREMAGNUM DELLA RETE
Articolo successivoIN ITALIA IL RECORD DELLE BOTTIGLE DI PLASTICA