24orenews Web E Magazine

FICHI UN GRAN CIBO PER GLI ORATORI
 Il fico, per la facilità della sua riproduzione, sembra sia stata la prima pianta coltivata dall’uomo, undicimila anni fa nella zona della Mezzaluna fertile.  Molto noto ai popoli dell’antichità, nell’Antico Testamento il fico, insieme con la vite, era simbolo di fertilità e vita gioiosa. Ai tempi della Grecia classica i frutti di quest’albero venivano considerati “degni di nutrire oratori e filosofi”, Platone era ghiottissimo di quelli secchi, e se un bambino soffriva di balbuzie veniva portato sotto ad una fico per cercare di facilitargli la favella.  Frutti già considerati afrodisiaci dagli ellenici, usavano il termine “sykon” (fico) per indicare i genitali femminili, forse per la forma che assumono se spaccati in due. Il fico era un albero sacro a Priapo, dio della fertilità greco e romano, in onore del quale sembra se ne consumassero i prodotti prima di un convivio amoroso. La convinzione che il fico fosse un eccitante erotico venne ribadita anche della Scuola Medica Salernitana “… veneremque vocat, sed cuilibet obstat” (provoca lo stimolo venereo anche a chi vi si oppone). La medicina popolare vedeva nei numerosi semini, circa seicento per frutto, un segno della sua attitudine a favorire la fecondità. A luna crescente le coppie sterili staccavano due foglie da un albero e le mettevano sotto ai rispettivi cuscini perché si pensava avessero il potere di far arrivare dei figli.  Oggi il fico fa parte del panorama Mediterraneo, dalla Spagna alla Turchia. In Italia lo si trova sopratutto in Puglia, Campania e Calabria, ma è presente anche nelle altre regioni. Centinaia le diverse varietà di questi frutti. La più comune è la “Ficus carica”, dalle molteplici dimensioni e colori, dal giallo al nero. I fichi vengono definiti a seconda del periodo in cui maturano: “fioroni” o “primaticci” (giugno e luglio), “forniti” (agosto e settembre), “tardivi” (autunno). I fichi generalmente vengono raccolti a completa maturazione con tutto il peduncolo, nella ore più calde e asciutte della giornata. Questi frutti ricchi di zucchero, minerali e vitamine, sono facilmente digeribili, possono essere consumati freschi o secchi, ed inseriti in ricette dolci (torte, gelati, marmellate) o salate (antipasti
Dessert – Fichi della prosperità
 
Ingredienti: fichi integri essiccati al sole, mandorle (intere e spellate), cioccolata fondente, zucchero (per rendere lucido il cioccolato).
Preparazione
Fate un piccolo taglio alla base di ciascun fico e infilateci una mandorla.  Sciogliete il cioccolato a bagnomaria con lo zucchero, e immergetevi rapidamente la base dei fichi, in modo che siano ricoperti di cioccolata fino a metà. Lasciate scolare e mettete a raffreddare su un pezzo di carta da forno. Quando la cioccolata sarà solidificata consumate i fichi della prosperità accompagnati con un bicchierino di vino
 
 
 
 
Fonte:UffStampA.I.G.S.

Articolo precedenteCHARLES AZNAVOUR A VENEZIA
Articolo successivoI PROGETTI….a CURA di GIORGIO CORTESE