Fernet Branca Limited Edition

C’è aria di Primavera in casa Branca e come per la Natura che ci circonda è tempo di rifiorire e rinnovarsi anche per Fernet-Branca. L’inimitabile amaro di F.lli Branca Distillerie cambia veste e si presenta quattro nuove bottiglie tutte da collezionare.

Protagoniste della nuova livrea floreale sono proprio le erbe, le radici, i fiori e le spezie che compongono la ricetta segreta dell’amaro. Un trionfo per gli occhi e per il palato, la nuova Limited Edition è un omaggio ai colori e ai profumi degli ingredienti storici che rendono unico Fernet-Branca sin dalle sue origini.

Creato nel 1845 da Bernardino Branca, fondatore dell’azienda, Fernet-Branca ha mantenuto negli anni il segreto della sua speciale miscela: un mix esclusivo di 27 erbe, fiori e spezie che viene gelosamente custodito dalla famiglia Branca e tramandato di padre in figlio da cinque generazioni. Un viaggio sensoriale di sapori; le botaniche che compongono la ricetta di Fernet-Branca, infatti, provengono da 4 diversi continenti. Il Rabarbaro della Cina, la Camomilla italiana e argentina, lo Zafferano dell’Iran, la Genziana francese, la Galanga di India e Sri Lanka per fare qualche esempio: un vero e proprio giro del mondo, in un bicchiere.

Giallo, nero, blu, verde: le quattro tonalità vivaci e raffinate della nuova edizione limitata sono il dono perfetto da portare a un pranzo o a una cena in compagnia, da regalare o da gustare in occasione della prossima Pasqua. Bellissime nel design daranno un tocco di colore in più nelle tavole imbandite a festa degli italiani come simbolo di convivialità e condivisione.

Disponibile nei punti vendita da marzo, la Limited Edition Fernet-Branca dimostra, ancora una volta, l’innata capacità dell’amaro italiano di evolversi e cambiare rimanendo sempre sé stesso preservando la sua qualità indiscussa e quel sapore unico e antico che lo ha reso celebre in tutto il mondo.

 

Articolo precedenteProseguono i festeggiamenti di Topolino per celebrare DISNEY100
Articolo successivoMilano. La Cittadella degli archivi si trasforma nel Mi.Ma. “Milan Metropolitan Archive”