Aria di Festa Gli stand gastronomici San Daniele

Aria di festa dal 30 giugno al 3 luglio per celebrare il prosciutto di San Daniele tra sapori, musica, eventi e spettacoli. L’appuntamento organizzato e promosso dal Consorzio del Prosciutto di San Daniele, giunto alla 37esima edizione, riunisce migliaia di ospiti dall’Italia e dall’estero. Taglio del nastro il 30 giugno nel centro della città di san Daniele con madrina, Giorgia Rossi. Il 1° e il 2 luglio, laboratori, masterclass dedicate a lezioni di taglio e all’analisi sensoriale della DOP friulana, concerti sui plachi, spettacolo, attrazioni per bambini, mercati con offerta di artigianato e prodotti locali, degustazioni. In programma sei incontri tematici ideati, strutturati come un viaggio nel mondo del Prosciutto di San Daniele con sei specifiche parole chiave: terra, lavoro, emozioni, ambiente, ricette e storia. Anche quest’anno, le strade e il centro storico di San Daniele del Friuli si animano di stand enogastronomici, curati dagli esercenti sandanielesi dove si potrà degustare il prosciutto in abbinamento a formaggi, frutta e panificati. Il giardino di Villa Seravallo farà da cornice ai picnic a base di Prosciutto di San Daniele, mentre gli appassionati di vino potranno degustare le etichette locali assieme alle birre e al San Daniele DOP nella Terrazza San Daniele, uno spazio con vista panoramica sulle colline friulane. Vi è anche il tour nei prosciuttifici della zona con visite guidate nei luoghi di produzione del prosciutto di San Daniele D.O.P. dove vengono svelati tutti i suoi segreti: come si conserva, come si mangia, il taglio e l’ idoneo abbinamento ai cibi e ai vini. Il prosciutto di cosce selezionate di suini italiani, sale marino e un’aria incontaminata viene stagionato grazie al microclima di San Daniele, località al centro dell’anfiteatro morenico, sulle prime alture delle Prealpi a 252 metri sopra il livello del mare dove i venti freddi provenienti dalle Alpi Carniche si incontrano con le brezze dell’Adriatico, in un ambiente dove l’umidità e la temperatura sono regolate dalle acque del fiume Tagliamento. Il consorzio del prosciutto San Daniele, nato nel 1961, oggi, associa i trentuno produttori del Prosciutto di San Daniele. Vi è rigido disciplinare di produzione che vigila sulla sua corretta applicazione e tutela del marchio per prevenire abusi o usi illegittimi del nome, del marchio stesso e dei segni distintivi della DOP. Il consorzio, inoltre, promuove e valorizza la conoscenza e la diffusione del Prosciutto di San Daniele e si impegna nell’attuare iniziative per il perfezionamento e il miglioramento qualitativo con servizi di assistenza e consulenza per i soci produttori. Le cosce di suino provengono, come previsto dal disciplinare, dagli oltre 3.000 allevamenti ubicati nelle regioni del Centro-Nord Italia (Friuli-Venezia Giulia, Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto, Marche, Umbria, Toscana, Lazio, Abruzzo). I suini sono alimentati con cereali nobili e siero di latte e allevati con metodi che rispettano il loro benessere; al momento della macellazione devono pesare mediamente 160 chilogrammi e avere almeno nove mesi di vita. Aria di Festa sarà l’occasione per conoscere la cittadina friulana, anche da punto di storico-artistiche, come la Biblioteca Guarneriana, ed esplorare il territorio circostante grazie ai numerosi tour guidati. La novità di quest’anno sarò l’incontro con la tappa finale di Folkest, il festival dedicato agli artisti emergenti nel campo della world music, che concluderà il proprio percorso itinerante nella città in cui è nato, San Daniele del Friuli.

Raffaella Parisi

 

Articolo precedenteRelais La Casina Ricchi tra i vigneti con tradizione, innovazione e rispetto della natura
Articolo successivoRiforma Cartabia: Utopia o Realtà?