fotobiomodulazione led
Fotobiomodulazione Led

La luce che ti fa bella!

A cura della Dr.ssa Francesca Bocchi

Oggi, sempre più pazienti vogliono migliorare la qualità della loro pelle, attraverso metodi non-invasivi, con una tecnologia efficace con minimi effetti collaterali. Le nuove tecnologie si stanno sviluppando in questa direzione, cercando di dare risposta alla richiesta di risultati naturali e procedure indolori. Una di queste è la fotobiomodulazione. Si tratta di una tecnologia che trasforma l’energia della luce in stimolo per regolare e stimolare l’attività cellulare della pelle.

Per diversi anni si è utilizzata la luce LED per promuovere la riparazione dei tessuti in modo rapido dopo i trattamenti con laser, IPL o peeling. Con questa nuova tecnologia, è possibile invece generare l’emissione di fluorescenza a più lunghezze d’onda, che penetra attraverso i vari strati della pelle, stimolando cellule e tessuti.

Una singola modalità di azione

Sulla base del principio della fotosintesi, questa lampada multi LED, ovvero con emissione di specifiche lunghezze d’onda pre-programmate, è utilizzata per stimolare, attraverso un gel foto-convertitore contenente cromofori, che converte i raggi in luce fluorescente terapeutica. Questa luce fluorescente penetra attraverso i diversi strati della cute e stimola i meccanismi intrinseci di riparazione cellulare che si trovano nella pelle. Grazie a questo gel, a seconda della diversa indicazione, acne in fase attiva con pustole, fotoinvecchiamento, lentigo solari, rugosità, la fluorescenza emessa comprende il verde, giallo, arancione e rosso, tutti i colori dello spettro luminoso.

Indicazioni cliniche

Gli studi effettuati hanno dimostrato un elevato livello di sicurezza e l’efficacia di questo trattamento. Attualmente la fotobiomodulazione prevede trattamenti per la pelle in grado di trattare tutti i tipi di pelle in due direzioni:

  • Trattamento dell’acne infiammatoria, pustolosa e la fase cicatriziale di acne. Riduce in modo significativo l’infiammazione, le cicatrici e le lesioni dell’acne da moderata a grave, con provata efficacia oltre 6 mesi senza alcun effetto collaterale. Il protocollo è di 12 sessioni, in un periodo compreso di 6 settimane.
  • Migliora la qualità della pelle del viso, collo, décolleté e mani: il ringiovanimento della pelle si nota perché attenua le rughe più sottili, riduce la dimensione dei pori e aumenta la produzione di collagene. Il protocollo consiste in 4 sessioni, una sessione a settimana.

Il trattamento è piacevole, si deterge la pelle e si applica il gel, il quale viene illuminato per 9 minuti usando la lampada multi-LED, creando cosi un’energia luminosa fluorescente che stimola la cute. Alla fine il gel viene rimosso e la pelle appare pulita ed idratata. I pazienti descrivono una sensazione di calore durante il trattamento, che risulta piacevole e rilassante. Gli effetti collaterali osservati (arrossamento, effetto abbronzato …) in alcuni pazienti sono tutti transitori e durano un paio d’ore fino ad alcuni giorni. Tuttavia, è interessante notare che questo trattamento non crea fotosensibilità e può quindi essere svolto tutto l’anno, anche in estate. I risultati non sono immediati, l’obiettivo lo si raggiunge nel corso del tempo perché la pelle si rigenera in profondità, in modo graduale, sessione dopo sessione. Questi risultati sono di lunga durata e la pelle continua a migliorare, diverse settimane dopo la fine del protocollo.

La fotobiomodulazione che opera attraverso l’energia della luce fluorescente ha molteplici vantaggi per i pazienti. Applicabile sia in dermatologia che in medicina estetica, è una procedura non invasiva, piacevole, con risultati efficaci, dall’aspetto naturale e di lunga durata, che si completano perfettamente “all’arsenale” terapeutico della beauty-routine che ogni donna non dovrebbe farsi mancare per avere un aspetto luminoso e sofisticato.

Articolo precedenteMILANO. MOSTRA DI LUIGI SAITA “RITRATTI E PROFUMI”
Articolo successivoRisparmio, le regole auree per tutelare il portafoglio