Natale e festività come venire incontro a chi soffre di ipoacusia

In collaborazione con Starkey Hearing Technologies

Il periodo delle Feste è quello in cui, di solito, si trascorre maggiormente del tempo in famiglia, con gli amici e le persone care: è un momento di grande armonia e spensieratezza, ma per chi soffre di perdita uditiva, purtroppo, può significare anche disagio, difficoltà nello stare in compagnia e nel trovarsi in mezzo a tanta gente, con la costante sensazione di sentirsi emarginati dalle conversazioni.

Sono tanti i motivi per cui delle situazioni conviviali, ricche di rumori, persone e conversazioni diverse, possono creare disagio nelle persone che soffrono di ipoacusia. È importante immedesimarsi negli amici e parenti che ne soffrono per capire a pieno tutte le circostanze e le situazioni che potrebbero metterli in difficoltà.

In questo modo si eviterà anche di commettere errori e di continuare a portare avanti atteggiamenti dannosi, come alzare la voce per cercare di farsi capire, invece di limitarsi a ripetere le frasi in maniera più chiara e lenta. E se a volte è normale fare errori, anche in buona fede, è bene organizzarsi per tempo per assicurare delle feste il più possibile inclusive e limitare o eliminare le situazioni spiacevoli.

Bastano infatti alcuni semplici accorgimenti per riuscire a trascorrere le feste natalizie con serenità, riducendo drasticamente i problemi legati all’ipoacusia. Ecco alcuni consigli, rivolti sia a chi soffre di perdita uditiva sia ai loro familiari e amici.

Consigli per familiari e amici

Il modo migliore per assicurarsi che tutti si sentano a proprio agio durante le occasioni conviviali è che ognuno faccia la sua parte, nel suo piccolo. Questi sono alcuni dei semplici gesti che è possibile portare avanti per essere sicuri di non escludere, anche solo inavvertitamente, chi soffre di ipoacusia:                                                                     

  • fare attenzione alla disposizione dei posti a tavola: l’ideale sarebbe che la persona con difficoltà uditive sieda con le spalle rivolte a un muro, in modo da non percepire troppi rumori di sottofondo e da non essere continuamente distratta dal passaggio delle persone dietro di sé. In ogni caso, è una buona idea chiedere alla persona che soffre di ipoacusia dove preferirebbe sedersi.
  • parlare uno alla volta: chi soffre di ipoacusia, spesso, fa fatica a seguire più discorsi contemporaneamente, perché le voci e i suoni si mescolano: è bene quindi cercare di parlare uno per volta, senza sovrapporsi agli altri.
  • parlare in modo chiaro: un altro accorgimento importante è quello di parlare chiaramente, senza nel frattempo masticare o far rumore con le posat Infatti, è fondamentale che la persona ipoacusica possa leggere il labiale.
  • scegliere luci e musica adatti: tenere bassa la musica di sottofondo, di modo che non vada a coprire i discorsi delle persone, e accendere una luce adeguata, che permetta la lettura del labiale, è un ottimo modo per aiutare chi soffre di ipoacusia a non perdersi dei momenti importanti.
  • usare il linguaggio del corpo: non bisogna basarsi soltanto sulla voce e sulle parole. Anche la gestualità è importante ed efficace nel comunicare, soprattutto se accompagnata dal contatto visivo.
  • impostare i sottotitoli: nel caso nel corso della giornata si decida di guardare un film o un programma in televisione, è bene assicurarsi che siano disponibili dei sottotitoli e che questi siano impostabili facilmente e velocemente.
  • prediligere le videochiamate: in caso vogliate mettervi in contatto con qualche parente lontano per scambiarvi gli auguri, prediligete una videochiamata a una semplice chiamata vocale, che permette la lettura del labiale e della gestualità.
  • offrirsi come “assistenti”: spesso è utile avere una persona che svolga il compito dell’assistente uditivo, cioè la persona a cui la persona che soffre di ipoacusia può far riferimento se non ha capito qualcosa o se ha bisogno che parti del discorso vengano ripetute.