Images Public Dps News Grazianocecchini180x 388161
Images Public Dps News Grazianocecchini180x 388161

 
 

Dal 23 al 27 marzo 2011, polo fieristico Etnaexpo (centro commerciale Etnapolis di Belpasso)

A SICILIARTE L’ARTISTA FUTURISTA GRAZIANO CECCHINI

Cecchini: «Sono certo che l’urlo di quella Magna Grecia che risiede nel Dna siciliano partirà da Catania e raggiungerà l’intero paese»

CATANIA – «Se provate a parlare sottovoce nel bel mezzo di una curva allo stadio, chi potrà sentirvi? Nessuno. La nostra società è formata da curve di stadio e i media hanno bisogno di notizie. Io gliele do». Parla così Graziano Cecchini, artista futurista che dello scandalo sembra aver fatto il suo linguaggio di vita. A chi gli ha chiesto di descriversi in poche parole ha risposto di essere «una persona normale con il desiderio di dimostrare che nell’arte conta la semplicità, senza sovrastrutture».

A raccontarlo sono le sue “azioni” più celebri: nel 2007 ha colorato di rosso l’acqua della Fontana di Trevi; l’anno dopo ha lanciato 500mila palline colorate lungo la scalinata di Trinità dei Monti; l’ultima “fatica” è stata la tentata irruzione nella “casa-non casa” del reality Grande Fratello durante la diretta televisiva.

Ma non finisce qui, perché Graziano Cecchini arriverà anche a Catania: presiederà infatti il comitato consultivo della Mostra internazionale d’arte moderna e contemporanea SiciliArte 2011, curata dal critico Francesco Gallo, che sarà allestita dal 23 al 27 marzo all’interno di Etnaexpo, presso il centro commerciale Etnapolis di Belpasso.

«In questo momento storico di bassa pressione socioeconomica – afferma Cecchini – è straordinario assistere alla sfida culturale che un Meridione gravido di idee lancia a tutta l’Italia. SiciliArte rappresenta uno schiaffo a chi ritiene che la cultura non faccia economia e quest’anno, sono certo, che l’urlo di quella Magna Grecia che risiede nel Dna siciliano partirà da Catania e raggiungerà l’intero paese».

Cultura, confronto, dialogo e un ampio spazio ai talenti emergenti: verrà celebrata ogni sfumatura dell’Arte, una realtà dal secolare passato ma in continuo divenire, uno specchio della società, che spesso si fa portavoce di emozioni, ideali, valori e sensazioni che pur nella loro diversità convivono, fino a diventare universali.

«Grazie alla partecipazione di prestigiose Gallerie d’arte – afferma il direttore di Etnaexpo Salvatore Piana – proporremo opere di artisti Ottonovecentisti, come l’inedito disegno di Henry Matisse del ’46 raffigurante la moglie del poeta Luis Aragon. La mostra vanta anche l’importante collaborazione con Agrigento Arte e Mac Vittoria, riunendo di fatto le principali realtà espositive del settore per proporre il meglio ad esperti, operatori, amanti dell’arte e studenti degli istituti, dei licei, delle accademie di Belle Arti provenienti da tutta l’Isola». A loro SiciliArte dedica un concors

Articolo precedenteiPad 2 a metà prezzo? con il cellulare è possibile
Articolo successivoLAZIO. ROMA EVENTI: TUTTI GLI APPUNTAMENTI PER LA NOTTE TRICOLORE