Orchestra Coccia Sant'Eustorgio Milano r
Orchestra Coccia Sant'eustorgio Milano R

Segni di Bellezza : prosegue la sua stagione con il terzo imperdibile appuntamento in programma per giovedì 26 marzo alle 21.00 nell’incantevole Basilica milanese di Sant’Eustorgio, luogo di spiritualità e icona della bellezza architettonica romanica. Dopo l’esordio del 5 gennaio con il concerto per l’Epifania, che ha inaugurato la stagione musicale, la città di Milano, con il prezioso quanto indispensabile appoggio di Don Giorgio Riva, parrocco della Basilica, si prepara ad accogliere con altrettanto successo questo concerto che coincide con la Settimana Santa.

Per l’occasione l’Orchestra Sinfonica “Carlo Coccia”di Novara diretta da Michele Brescia eseguirà il Requiem in do minore per coro e orchestra di Luigi Cherubini, con l’Ars Cantica Choir di Marco Berrini.

Vercelli foto Viotti rSegni di Bellezza non è solo una stagione di musica sacra ma un’accurata scelta di brani musicali che intende accompagnare l’ascoltatore alla ricerca del “sacro“ nella purezza della musica. È in questi “Segni di Bellezza” che si esprime il bisogno dell’infinito insito nell’uomo e il tentativo dell’artista di svelare il senso recondito delle cose.

“Rara è la capacità di lasciarsi ferire dalla bellezza. Una ferita che diventa feritoia, aperta su quell’infinito e quell’eterno verso cui si tende” (Cit Gianfranco Ravasi) Questo è il progetto intellettuale a cui mira la stagione dei Segni di Bellezza, aprire una feritoia, un nuovo modo di percepire la musica nella sua poliedricità. Anticiperà il concerto il consueto momento dedicato alle opere d’arte custodite nella Basilica, per l’occasione Fra Gianni, il priore di Santa Maria delle Grazie commenterà il simbolo per antonomasia della religione cristiana e della Pasqua: Il Crocifisso.

Il grande crocifisso ligneo fu portato in Sant Eustorgio nel 1288 da Fra Gabio da Cremona e proprio per questo motivo è detto “di Fra Gabio” . Secondo gli studiosi venne dipinto dallo stesso maestro che decorò la cappella Dotto nella chiesa degli Eremitani a Padova.

La sua collocazione originaria era sopra al tramezzo (successivamente andò distrutto) che serviva come delimitazione dell’area riservata alla comunità religiosa all’interno della chiesa. Si tratta di un rarissimo esempio di pittura su tavola dell’arte duecentesca milanese. L’opera, di grande effetto, è caratterizzata da un notevole realismo nel rappresentare la sofferenza di Cristo, il Christus patiens, la testa reclinata sulla spalla, gli occhi chiusi e il corpo incurvato in uno spasimo di dolore.

L’evento,per l’alto valore culturale,ha ricevuto il Patrocinio del Comune di Milano.

Questa rassegna è un’occasione di incontro con la musica e l’arte, un dialogo che ci conduce là dove il linguaggio è di tutti, oltre la linea di confine che ci separa gli uni dagli altri.

I prossimi appuntamenti con Segni di Bellezza saranno: il 25 aprile e il 13 giugno.

Ingresso libero

 s eustorgio 2

ORCHESTRA SINFONICA CARLO COCCIA

L’Orchestra Sinfonica Carlo Coccia, fondata nel 1994, è oggi una prestigiosa realtà musicale; la presenza assidua in importanti Stagioni Concertistiche e la collaborazione con importanti direttori e solisti ne conferma la crescita artistica. Fin dal suo esordio ha ricevuto unanimi consensi collaborando con direttori come Janos Acs, Marco Berrini, Massimiliano Caldi, Riccardo Frizza, Giuseppe Garbarino, Paolo Gatto, Marcello Rota, Diego Fasolis, Gian Paolo Sanzogno, Nello Santi e artisti quali Cecilia Gasdia, Tiziana Fabbricini, Sara Mingardo, Raffaele Trevisani, Luisa Prandina, Simone Pedroni, Marco Rizzi, Danilo Rossi, Luciana Serra, Rachel Harnisch, Jeffrey Swann e Rudolf Buchbinder, con il quale ha eseguito nel 2012  i concerti per pianoforte di Beethoven. Dal 1999, per una decina d’anni, l’orchestra ha collaborato con l’Associazione Coro Filarmonico del Teatro alla Scala effettuando numerosi concerti nelle principali città italiane. L’Orchestra Carlo Coccia ha affiancato il Balletto della Scala per la serata inaugurale del Teatro Alfieri di Asti nel giugno 2002. Per alcuni anni ha effettuato diverse tournée con il Balletto di Mosca, affrontando il grande repertorio classico: Schiaccianoci, Lago dei cigni, La bella addormentata, Giselle, Coppelia e Cenerentola. Il repertorio dell’orchestra spazia da Bach, grandissimo successo ha ottenuto l’esecuzione della Messa in si minore nel febbraio 2009, fino alle grandi composizioni sinfoniche romantiche, non trascurando la musica del novecento: in quest’ ambito, da segnalare la tournée con musiche di George Gershwin e la partecipazione del pianista Jeffrey Swann, il programma monografico dedicato a Giuseppe Martucci con l’esecuzione del Concerto per pianoforte, solista Simone Pedroni, i poemi sinfonici e il “Quoniam” di Aldo Finzi, l’esecuzione della Ballata per orchestra di Renato Grisoni in prima esecuzione italiana, il concerto dedicato al compositore Giulio Cesare Sonzogno e la prima esecuzione pubblica del Tema con Variazioni di Guido Cantelli. Grande interesse ha suscitato l’esecuzione del programma “La chançon francaise, da Edit Piaf aCharlesAznavour” eseguito da Milva, con gli arrangiamenti di Hubert Stuppner. Dal 1998 ha eseguito in diverse occasioni la cantata Adiemus di Karl Jenkins nella versione per coro di voci bianche e orchestra. Grande risalto hanno avuto l’esecuzione del Salmo IX di Petrassi, a Foligno, per la Sagra Musicale Umbra ela Misa Tango di Luis Bacalovcon l’Ars Cantica Choir e la direzione di Marco Berrini. La discografia dell’orchestra comprende la V Sinfonia e la Suite dal Lago dei Cigni di P.I.Caikovskij con la direzione di Paolo Gatto, il Concerto per violino di F.Mendelssohn, solista Marco Rizzi, e la Sinfonia n.104 di J.Haydn diretti da Massimiliano Caldi, la Cantata “Adiemus Songs of Sanctuary” di Karl Jenkins diretta da Paolo Beretta , l’Oratorio “Il Giudizio Universale”, “ La strage degli innocenti”, “La risurrezione di Cristo”, il Concerto per pianoforte e orchestra, di Lorenzo Perosi, con la direzione di Arturo Sacchetti per l’editore  Bongiovanni. Sempre Bongiovanni ha pubblicato l’opera “Clotilde” e il DVD di “Arrighetto”di Carlo Coccia. La Kikko music ha in catalogo il Faust di Gounod e la Carmen di Bizet in DVD. Sempre in DVD il “Pierino e il lupo” di Prokof’ev, con la voce recitante Massimo Boldi e la direzione di Fabrizio Dorsi. Parallelamente all’attività sinfonica, l’orchestra svolge un’intensa attività in campo operistico partecipando, dal 1994, alla Stagione Lirica del Teatro Coccia di Novara. Recentemente ha riportato sulle scene, in prima esecuzione in tempi moderni,  “Clotilde” e “Arrighetto” di Carlo Coccia, che hanno ottenuto un lusinghiero successo. Nel settembre 2011 ha eseguito a Novara la Messa di Requiem di Coccia, prima esecuzione moderna, nell’ambito del Festival MITO.