COLOR VFX.00 01 49 03.Immagine013 b r
Color Vfx.00 01 49 03.immagine013 B R

LUCIO DALLA

DA OGGI È ONLINE IL VIDEO DI

“L’ANNO CHE VERRÀ”

indimenticabile successo del cantautore bolognese

Dal 10 gennaio il video sarà proiettato

nella sala cinema della Fondazione Lucio Dalla a Bologna

«L’anno che sta arrivando tra un anno passerà
Io mi sto preparando
È questa la novità»

tratto da “L’anno che verrà”

Il 2019 ha celebrato i 40 anni dall’uscita di “LUCIO DALLA”, il disco omonimo del cantautore bolognese, capolavoro della sua carriera. A conclusione di questo anno di festeggiamenti, da oggi, lunedì 30 dicembre, è online il video di “L’ANNO CHE VERRÀ” al seguente link www.youtube.com/watch?v=UAGJEym15Us.

Il video del brano, indimenticabile successo di Dalla, racconta i pochi minuti che precedono la mezzanotte del nuovo anno, solitari, malinconici e sospesi tra presente e futuro. Nella propria, apparentemente triste, solitudine un uomo si riflette nel se stesso di domani che, complice e “amico”, lo rassicura per i giorni che verranno.

«È il 31 dicembre. Mancano pochi minuti all’inizio del nuovo anno. Il tempo di una canzone – dichiara il regista Marco PELLEGRINO – Il tempo per un uomo di scrivere una lunga lettera a se stesso. Il tempo di una vita».

A partire dal 10 gennaio il video verrà proiettato nella sala cinema all’interno della Fondazione Lucio Dalla a Bologna (via D’Azeglio 15).

Il brano “L’ANNO CHE VERRÀ” è contenuto all’interno di “LUCIO DALLA” -Legacy Edition uscito quest’anno in occasione dei 40 anni dall’uscita, nel 1979. La versione CD contenente 3 brani in versione inedita: “Angelinella versione in studio, “Stella di mare” in inglese e il brano “Ma come fanno i marinai” feat. Francesco De Gregori nella versione inedita registrata in studio. Il tutto accompagnata da un libretto di 24 pagine con le illustrazioni originali di ALESSANDRO BARONCIANI e i contributi di DENTE, DI MARTINO, COLAPESCE, COLOMBINI e BIANCANI raccolti per l’occasione da John Vignola. Il disco è stato rimasterizzato negli Studi Fonoprint di Bologna da Maurizio Biancani che ha trattato anche il disco originale insieme a Lucio Dalla nel 1979. Il campionamento digitale del master tape originale fatto a 192khz e 24 bit, ha permesso di recuperare appieno le sonorità originali, non falsate da precedenti interventi.