VALLE DAOSTA.1
Valle Daosta.1
  1.  
    VIDEOCOMUNICATO
     
    Ad aprire l’edizione 2012 della rassegna Musicastelle in Blue, tra gli appuntamenti di punta del cartellone estivo valdostano, è stato il 13 luglio, il Wayne Shorter Quartet, con Danilo Perez, John Patitucci e Jorge Rossy ad accompagnare Wayne Shorter. Sul prestigioso palco allestito al Forte di Bard per il terzo anno consecutivo, la rassegna ha aperto i battenti sotto una leggera pioggia che non ha fermato il numeroso pubblico presente. Nessuno ha voluto perdersi infatti i virtuosismi e l’energia di una formazione di spicco con quattro grandi maestri del jazz.
     
    AURELIO MARGUERETTAZ – ASSESSORE REGIONALE TURISMO
    Siamo di nuovo all’appuntamento clou della musica jazz valdostana. Credo che l’abbinamento Valle d’Aosta, Forte di Bard con il Blue Note si sia dimostrato vincente. Abbiamo cercato di coniugare la grande musica con il territorio e questo abbinamento lo abbiamo fortemente legato all’aspetto commerciale e turistico, perché coloro che erano interessati allo spettacolo erano vincolati all’acquisto di un pacchetto soggiorno. Quindi, da questo punto di vista, siamo riusciti con questo festival, con questa musica, anche a riempire gli alberghi. Abbiamo 6 appuntamenti, e per ognuno siamo al quasi tutto esaurito, quindi è vero che parliamo di una affluenza non enorme, parliamo di 800 persone, ma in Valle d’Aosta questi numeri assumono un certo significato.
     
    La rassegna, in collaborazione con il Blue Note di Milano, vede tra gli altri protagonisti dell’estate l’ammaliante voce di Dee Dee Bridgewater che il 14 luglio ha proposto un personale tributo a Billie Holiday. Il 15 luglio è stata la volta del grande chitarrista Pat Metheny, con la sua “Unity Band”, composta da Chris Potter, Antonio Sanchez e Ben Williams, e il 19 luglio sarà la volta del sassofonista Maceo Parker con la sua band, mentre il giorno successivo l’ex fortificazione sabauda sarà teatro del concerto di un duo d’eccezione: il pianista Ludovico Einaudi e il trombettista Paolo Fresu. Il 21 luglio, infine, a chiudere ‘Musicastelle in Blue’ sarà Esperanza Spalding, astro nascente del jazz internazionale.
     
    ALESSANDRO CAVALLA – Amministratore delegato BLUE NOTE MILANO
    Questa rassegna In Blue è al terzo anno di svolgimento. Nasce dalla volontà della Regione autonoma Valle d’Aosta di coinvolgerci nel proporre un progetto artistico il più possibile coerente con questi luoghi, in particolare con il Forte di Bard, ma più in generale con tutto il territorio della Valle d’Aosta. Quindi è una proposta all’insegna della qualità, rivolta a un pubblico il più possibile ampio e internazionale. La motivazione principale che ci spinge a continuare questo percorso è la possibilità di proporci in un contesto suggestivo sia dal punto di vista naturale che artistico, architettonico e comunque molto vicino a noi, al nostro modo di lavorare, perché stiamo parlando di una rassegna estiva che si svolge un ambiente molto raccolto, molto intimo, che ci somiglia molto. Non è insomma il classico concerto da stadio, con tutto il rispetto, ma più tipico delle rassegne estive, che rappresenta bene quella che è l’identità del Blue Note.
     
    Sono due le anime del festival che oltre agli appuntamenti del Forte di Bard propone quest’anno la formula “outdoor” con concerti in luoghi suggestivi della Valle d’Aosta e in contesto altrettanto intimo.  Dopo il concerto di giovedì 12 luglio con Malika Ayane, al Belvedere del Colle San Carlo di Morgex; il 17 luglio sarà la volta di Enrico Ruggeri a Châtillon nel Parco del Castello Baron Gamba, il giorno successivo si esibirà Dolcenera a Saint-Christophe in Località Croux e infine, domenica 22 luglio, Francesco Renga canterà al lago Lexert di Bionaz.

    Ufficio stampa 
    mpa@regione.vda.it
    www.regione.vda.it