Stefano Parisi
Stefano Parisi

 

Alla gestione di Milano da parte di Giuliano Pisapia dò come voto un cinque meno, mentre a Beppe Sala do un sette: l’Expo è stato un successo”.

Così il candidato del centrodestra a sindaco di Milano Stefano Parisi, che oggi è stato ospite del programma di Rai Radio2 “Un Giorno da Pecora”, condotto daGiorgio Lauro e Geppi Cucciari.

Parisi ha anche rivelato:

Sala è più a destra di me, io quando ero giovani ero di sinistra, ero socialista lombardiano. Poi sono uscito dal Psi quando Craxi entrò al governo”.

E’ vero che da giovane aveva i dischi degli Inti Illimani?

Si, è vero”. E, insieme ai conduttori, Parisi ha cantato alcune strofe di ‘El Pueblo Unido’ degli Inti Illimani e accennato l’inno ‘Bandiera Rossa’.

Parisi, lei ha anche detto che Sala sarebbe stato un ottimo candidato del centrodestra.

Sì. Io invece è impossibile che possa candidarmi con centrosinistra

Cosa ne pensa invece di Matteo Renzi?

Credo che abbia fatto un buon lavoro perché ha rinnovato il centrosinistra – ha detto Parisi a Rai Radio2 – adesso tocca al centrodestra fare lo stesso”.

[…]

Tra le prime cose che farei se eletto sindaco di Milano ci sarà togliere la pedonale a Piazza Castello, rimettendola com’era prima, togliendo quei due Expo Gate, che tolgono armonia”.

“Bisogna rimettere al circolazione in zona, che c’è un traffico disastroso. Ovviamente non è questa la cosa più importante da fare – ha aggiunto Parisi – ma sarà una delle cose che farò. Dobbiamo soprattutto semplificare tutta la regolazione comunale che ha fatto al giunta Pisapia”.

 

rai radio 2 giorno da pecora