Bob Krieger con Raffaella Curiel (2019)
Bob Krieger Con Raffaella Curiel (2019)

Addio Bob Krieger: il noto fotografo considerato tra i più influenti ritrattisti al mondo si è spento improvvisamente all’età di 84 anni, mentre si trovava ospite di amici in vacanza a Santo Domingo, dove la quarantena imposta dal coronavirus lo aveva costretto a prolungare il suo soggiorno impedendogli di rientrare a Milano, dove viveva e dove proprio oggi sarebbe dovuto rientrare.

Con il suo magico obbiettivo ha “immortalato” alcuni tra i volti più significativi del mondo della cultura, della moda, dello spettacolo, dell’imprenditoria. Ha fotografato stilisti, modelle, attori, imprenditori, politici: da Giorgio Armani – celebre la sua copertina per “Time Magazine” che nel 1982 incoronò lo stilista “Re della moda” – a Valentino, Dolce e Gabbana, Gianni Versace, Miuccia Prada… Da Lucia Bosè a Linda Evangelista, a Carla Fracci… Da Bill Gates a Gianni Agnelli – di cui è stato il fotografo ufficiale negli ultimi 10 anni della sua vita… Da Indro Montanelli a Giulio Andreotti, Romano Prodi, Carlo Azeglio Ciampi, Silvio Berlusconi… l’elenco sarebbe infinitamente lungo.

Bob Krieger era nato ad Alessandria d’Egitto nel 1936, da padre di ascendenze nobiliari prussiane e madre siciliana nipote d’arte. Anche se portava un cognome tedesco, era italiano per scelta e vocazione e per vivere aveva scelto Milano, città in cui si era trasferito nel 1967 e dove aveva iniziato la sua carriera di fotografo. Con le sue foto ha contribuito a consacrare Milano come capitale della moda italiana nel mondo.

Bob ha trascorso la sua vita all’insegna dell’arte: durante l’infanzia ebbe come istitutrice Iolanda Margherita di Savoia, figlia di Vittorio Emanuele III di Savoia, dal 1946 in esilio proprio ad Alessandria d’Egitto. Sua madre era pronipote del pittore Giuseppe Cammarano, i cui affreschi si trovano alla Reggia di Caserta e al Teatro San Carlo di Napoli.