CAPODANNO

Capodanno.

Il Capodanno per molte persone non è altro che una data, il giorno in cui si cambia il calendario alla parete e si volta pagina auspicando un migliore anno a venire. C’è chi non vede l’ora di mettersi alle spalle lo sfortunato anno passato e chi non vede l’ora di iniziare il nuovo in continuità con il vecchio. Per altri, invece, è un momento in cui riflettere maggiormente e fare un bilancio dei 365 giorni trascorsi, e formulare i famosi buoni propositi per l’anno che verrà. In questi momenti diventiamo tutti abili ad analizzare le nostre azioni passate, le attività che abbiamo intrapreso, i risultati ottenuti e quello che invece non siamo riusciti a raggiungere.

Carichiamo così di grandi attese l’anno nuovo che verrà e diamo il via ai festeggiamenti che lo introdurranno nelle nostre vite. Speranza e aspettativa si fondono. A me, spesso, a fine anno, è capitato di chiedermi che cosa mi riserverà il domani e mi rivolgo a Voi che mi leggete con una frase di Albert Einstein: “Non penso mai al futuro arriva così presto” Partendo da questa citazione di Einstein la riflessione che vi voglio proporre in questi giorni d’attesa del 2022 è quella del “domani”. Quante volte ci è capitato di riflettere sull’importanza che ha nella nostra vita il domani? Pensare al domani, secondo me, non vuol dire non dare importanza al presente e a ciò che stiamo vivendo ma significa aprire la mente, riflettere maggiormente e capire il senso che si vuole dare alla propria vita. Per me questo significa amare il tempo che abbiamo e cercare di non sprecarlo nel migliore dei modi possibili. Tutto ciò che stiamo facendo è sicuramente un punto di partenza per quello che sarà il disegno del futuro. Ad esempio attraverso relazioni durature e belle: amare ciò che si è e ciò che si fa per migliorarmi continuamente e diventare quelli che avrei sempre voluto essere. Vale sempre il vecchio detto:  “Se vuoi… puoi!”. Per me pensare al domani è anche continuare a pormi nuovi obiettivi e cercare attraverso l’impegno, la costanza, la determinazione e i sacrifici per realizzarli.

Quindi, il mio consiglio è quello di continuare a porci sempre degli obiettivi, vivere appieno il presente attimo per attimo ma sempre guardando al futuro e non perdendo mai di vista i nostri buoni propositi; tendere sempre a qualcosa di più alto, al nostro continuo miglioramento.

Buon 2022 a tutti, che sia un anno ricco di amore, felicità, salute e soddisfazioni!

Giorgio Cortese
A cura di Giorgio Cortese
Articolo precedenteConsigli pratici dopo le abbuffate di fine anno
Articolo successivoBologna. Teatro Duse “Canzoni per sempre”