01 CAN 5128

Dopo la musa di Fellini, Sandra Milo, gli Amici della Lirica hanno celebrato quest’anno un’altra diva molto amata dal pubblico italiano: Barbara Bouchet. L’evento si è svolto a Milano in una calda sera d’estate, presso il Ristorante Parioli di Via Felice Casati 45. Hanno partecipato alla serata tanti volti noti, tra cui il Governatore della Regione Lombardia Attilio Fontana, il direttore de “Il Giorno” Sandro Neri, l’ex Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti, la nutrizionista Evelina Flachi, la presidente di ASM Onlus Marinella Di Capua, il Generale Mauro Del Vecchio, lo scrittore Francesco Alberoni e lo stilista Alviero Martini, per citarne solo alcuni. Il ricavato dell’evento, a scopo benefico, è andato a sostegno dei City Angels di Milano, associazione di volontari che opera a favore dei senza tetto della città. Il Governatore Fontana e la Presidente di A.M.A.L. – Daniela Javarone – hanno insieme consegnato a Barbara Bouchet una targa di riconoscimento alla carriera. «Sono onorata di questo premio alla carriera» ha ringraziato l’attrice, e subito ha aggiunto sorridendo «Che però non è ancora finita!!!». Nel corso della serata la sempre bella e affascinante Barbara ha letto i versi di “Le Ragazze”, tratta dal libro di poesie “Amati, tra ombra e luce” di Maria Grazia Lamera, presente all’evento insieme al marito, il giornalista Ivan Damiano Rota:

LE RAGAZZE
Le ragazze: insolite, intelligenti e rare, a volte scorrette.
Sempre nelle opinioni dirette. Che ci vuoi fare? Non si può spiegare: neanche
la natura, neppure la cultura. Non è l’età a farti paura.
Ma siamo ragazze, inconsapevoli, intelligenti e rare.
Dignitose, irriverenti e pazze.
Nonostante tutto rimaniamo ragazze.

Infine, il giovane musicista Leonardo Moretti ha reso omaggio a Ennio Morricone, interpretando con il violino uno dei suoi indimenticabili brani.

Foto di Canio Romaniello

Barbël Gutscher – questo il vero nome di Barbara Bouchet – nasce in Germania, a Reichenberg ma da piccola si trasferisce con la famiglia in America. Giovanissima, la sua bellezza cattura Hollywood dove lavora per le produzioni televisive e cinematografiche americane fino ai primi anni Settanta, prima di decidere di trasferirsi in Italia. Qui in pochissimo tempo diviene una delle attrici più amate e uno dei volti simbolo della commedia sexy all’italiana.