EXPO SPORT 2022

Expo per lo Sport, Anna Scavuzzo EXPO SPORT CONFERENZA STAMPA 2

 

«Ogni cittadino si occupi della propria dimensione sportiva». Milan e Inter unite nella promozione dello sport giovanile

Presentato  a Milano all’Arena Civica il programma   Expo per lo Sport 2022 Anche nei mesi più difficili della pandemia, ha trovato il modo di far correre e divertire i bambini. L’ottava edizione dell’evento dedicato alla promozione dello sport giovanile, in collaborazione con Autogrill Fondazione Humanitas per la Ricerca, sarà però un nuovo inizio: non coinvolgerà soltanto il centro di Milano, ma si avvicinerà anche alle periferie, per dare a tutti la possibilità di praticare sport e promuovere uno stile di vita sano, all’insegna del rilancio dei valori sportivi, dell’inclusione, della socialità e della sostenibilità, oltre che dell’attività motoria all’aperto. Una necessità assoluta per i giovani, visti anche i dati diffusi dal Coni e riguardanti il numero di tesserati  nelle diverse  federazioni nazionali, sceso a causa del Covid di 1 milione e 760 mila unità nel solo 2020

Expo per lo Sport, Scavuzzo (vicesindaco Milano): «Ogni cittadino si occupi della propria dimensione sportiva»

Quello che porterà ai Giochi Olimpici Invernali del 2026, per la città di Milano, sarà un lungo conto alla rovescia scandito dagli eventi sportivi. Dal girone degli Europei di basket in programma in questi giorni, alle Next Gen Atp Finals di tennis di novembre, fino ai Mondiali di scherma del prossimo anno. In questo calendario ricchissimo si inserisce anche Expo per lo Sport che, con la maxi-area di Parco Sempione, permetterà a migliaia di milanesi e non solo di poter praticare sport all’aria aperta. L’appuntamento è nel weekend tra sabato 10 e domenica 11 settembre. «La coralità di impegno trova nuovo slancio dopo il successo di Expo 2015, ricordato come un successo di tutti e di ciascuno – le parole del vicesindaco di Milano, Anna Scavuzzo, durante la conferenza stampa di presentazione -.

Oggi, qualsiasi sia la sfida, il modo per costruire un risultato di successo è il contributo di ciascuno come protagonista: sponsor, università, centri di ricerca, soprattutto degli sportivi. Oltre a una città di sport raccontato, grazie ai tanti eventi che si svolgono all’interno della nostra città, abbiamo bisogno che il nostro sia uno sport praticato, che ogni cittadino si occupi della propria dimensione sportiva, non per forza agonistica ma anche come capacità di curare il proprio benessere. Lo stare insieme con delle regole dà anche la possibilità di costruire una comunità sportiva. Lo sport forma il carattere, migliora le relazioni sociali e le buone abitudini». E una buona abitudine, per gli sportivi, è anche quella di curare l’alimentazione: «Abbiamo bisogno di persone che si appassionino allo sport, che apprezzino la pratica e la bellezza del praticarlo anche senza diventare grandi sportivi di successo. E una corretta alimentazione fa parte delle scelte consapevoli che permettono di vivere meglio».EXPO SPORT CONFERENZA STAMPA SCAVUZZO

Expo per lo Sport, Milan e Inter unite nella promozione dello sport giovanile: «Uomini prima che calciatori» 

Avversarie in campo, ma unite per la promozione dello sport giovanile. Durante Expo per lo Sport, in programma sabato 10 e domenica 11 settembre 2022 a Parco Sempione e preceduto dalle Summer School che coinvolgeranno oltre 500 bambini, saranno presenti anche i settori giovanili di Milan e Inter. A sostegno dell’attività di charity promossa da Fondazione Humanitas per la Ricerca, sono in programma allenamenti congiunti e tornei di calcio per categorie Under 9, Under 11 e Under 13, sia maschili che femminili.

«La nostra società è da sempre impegnata nell’elevare la visione dello sport oltre l’aspetto agonistico – ha spiegato Giuliano Rusca, responsabile dell’attività di base dell’Inter, nel corso della conferenza stampa di presentazione -. Il club coinvolge il settore giovanile e l’attività di base nello sposare in modo entusiastico tutti quelli che sono i progetti che favoriscono la promozione dell’integrazione e dell’inclusione sociale. E questo avviene sia all’interno, facendo formazione con i nostri tesserati, sia all’esterno partecipando ad attività come questa». «Il primo aspetto di questo tipo di eventi è formativo – ha aggiunto Roberto Trapani, responsabile dell’attività di base e Head of Grassroots Sector del Milan -. L’obiettivo di ogni società è quello di far sì che i bambini e i ragazzi diventino calciatori, ma non tutti ci riescono. Per questo, con questo tipo di attività formiamo soprattutto uomini».EXPO SPORT CONFERENZA STAMPA 3

Expo per lo Sport, Autogrill sostiene Fondazione Humanitas per la Ricerca: a settembre 200 punti di raccolta in tutta Italia

La salute è una conquista che si attiva giorno per giorno con l’esercizio di buone pratiche: una vita dinamica e sportiva e la corretta alimentazione. A farsi promotori di questo importante messaggio educazionale sono Expo per lo Sport, con la proposta di una Summer School (Milano, 5-9 settembre e un evento aperto al pubblico sabato 10 e domenica 11 settembre) e il title sponsor Autogrill che attiva, per tutto il mese di settembre presso 200 punti vendita presenti sul territorio, una raccolta fondi a favore di Fondazione Humanitas per la Ricerca (FHR), charity partner. Alla cassa, i consumatori potranno lasciare una offerta libera per sostenere il progetto di ricerca AYA (Adolescents and Young Adults) di Humanitas, dedicato ai giovani pazienti oncologici. «Si tratta di un programma – spiega la dottoressa Alexia Bertuzzi, oncologa dell’IRCCS Istituto Clinico Humanitas e responsabile di AYA – volto a rispondere ai bisogni clinici e psico-sociali di adolescenti e di giovani adulti di età tra i 16 e 39 anni che ricevono una diagnosi di tumore.

Una fascia di popolazione che è “terra di nessuno”, a metà strada tra il mondo pediatrico e quello dell’adulto e non ancora adeguatamente presa in carico, invece meritevole di attenzione, anche in funzione delle ultime evidenze scientifiche». «Siamo molto lieti di essere al fianco di Fondazione Humanitas per la Ricerca, supportando l’attività di divulgazione scientifica e di sensibilizzazione svolta dalla Fondazione sull’importanza dello sport come forma di prevenzione e tutela della nostra salute – ha commentato Andrea Cipolloni, CEO Europe-Italy di Autogrill -. Autogrill sostiene da sempre il mondo dello sport condividendone il sistema valoriale che premia lo spirito di squadra, l’impegno, il rispetto delle regole e la determinazione nel perseguire obiettivi sfidanti».

Expo per lo Sport, 10mila mq di villaggio e 35 discipline sportive: a Parco Sempione la festa dello sport 

Diecimila metri quadri e 35 discipline sportive presenti: questi i numeri di Expo per lo Sport – presentati questa mattina durante la conferenza stampa presso la sala Appiani –  evento dedicato alla promozione dello sport giovanile, in collaborazione con Autogrill e Fondazione Humanitas per la Ricerca, in programma sabato 10 e domenica 11 settembre nella splendida cornice di Parco Sempione. Preceduto dalle Summer School che hanno fatto registrare il tutto esaurito con 500 adesioni e istituite in quattro punti diversi di Milano – non solo il centro della città, ma anche e soprattutto le periferie – l’ottava edizione di Expo per lo Sport nasce con l’obiettivo di dare a tutti la possibilità di praticare sport e promuovere uno stile di vita sano, all’insegna del rilancio dei valori sportivi, dell’inclusione, della socialità e della sostenibilità, oltre che dell’attività motoria all’aperto.

Calcio, atletica, ciclismo, pugilato, arti marziali, ginnastica sono solo alcune delle discipline che saranno presenti durante Expo per lo Sport, che farà anche da apripista a due eventi previsti prossimamente a Milano: gli Europei di basket, in programma proprio in questi giorni in città, con la Fip che promuoverà attività di minibasket e basket 3X3, e i Mondiali di scherma previsti invece per il 2023. Nel ricchissimo palinsesto di Expo per lo Sport, anche un calendario di convegni a tema sportivo organizzati dalle Università di Milano partner dell’evento: Statale, Bicocca, Cattolica e Politecnico. Sabato 10 e domenica 11, a Parco Sempione, sarà infine allestito il villaggio della prevenzione per sostenere la raccolta fondi, insieme ad Autogrill, a favore di AYA (Adolescents and Young Adults), un percorso clinico, psicosociale e di ricerca attivo nell’IRCCS Istituto Clinico Humanitas per i pazienti oncologici dai 16 ai 39 anni.

Expo per lo Sport, Fichera: «I grandi eventi per lasciare il segno sulla città. Milano deve respirare sport» 

I grandi eventi come motore dello sport di base. È questo uno degli obiettivi di Expo per lo Sport, in programma a Milano nel weekend tra il 10 e l’11 settembre, arrivato alla sua ottava edizione e dedicato alla promozione dello sport giovanile, in collaborazione con Autogrill e Fondazione Humanitas per la Ricerca. Sarà una grande festa per la città di Milano: non solo per il centro, ma si avvicinerà anche alle periferie, per dare a tutti la possibilità di praticare sport e promuovere uno stile di vita sano, all’insegna del rilancio dei valori sportivi, dell’inclusione, della socialità e della sostenibilità, oltre che dell’attività motoria all’aperto.

«Dobbiamo fare in modo che Milano respiri sport – è l’auspicio di Marco Fichera, medaglia d’argento nella scherma ai Giochi Olimpici di Rio 2016 e organizzatore dell’evento -. E fare squadra per trasmettere messaggi di sport è l’obiettivo di ogni organizzazione. La nostra missione è quella di far praticare sport a bambini e bambine che per qualsiasi motivo non riescono a farlo. Lo scorso anno sono state 14.950 le persone che si sono iscritte a Expo per lo Sport, un numero che non tiene inoltre conto di chi è transitato per Parco Sempione senza registrarsi: questo per rendere l’idea di quanto un evento possa lasciare il segno su una città». Sport, ma anche formazione: «Con le Università di Milano ci siamo chiesti come poter andare oltre, cercando di arrivare al resto della popolazione: per questo, abbiamo istituito anche dei momenti di dibattito. Il valore dello sport non è solo la conquista della medaglia, ma anche farlo arrivare alla famiglia che non lo ha conosciuto».

Prima del weekend del 10 e 11 settembre 2022, tra il centro e la periferia di Milano sono state istituite delle Summer School gratuite che hanno raccolto 500 adesioni: «Lavoriamo sui cittadini di domani, per far sì che pratichino attività sportiva – aggiunge Nicola Schena, che con Fichera organizza Expo per lo Sport -. Con tanti partner abbiamo portato avanti questo obiettivo. E crediamo sia importantissimo coinvolgere anche le periferie. Ci saranno anche attività per adulti, dedicate alla pratica sportiva di persone più sedentarie, con un ulteriore impulso di avere un occhio di riguardo nei confronti di chi fa ricerca. La centralità dell’evento è garantire che i ragazzi possano fare attività motoria all’aperto, ma il punto centrale rimane la felicità, il vedere i ragazzi sorridere praticando sport».