Giacomo Matteotti
Giacomo Matteotti

Giacomo Matteotti: “Ognuno di voi ne è testimone”

Milano – 10 giugno alle ore 21.00

Società Umanitaria (Cortile dei Pesci)

Via Daverio 7

In occasione del novantacinquesimo anniversario dell’assassinio di Giacomo Matteotti, nella suggestiva cornice dei chiostri della Società Umanitaria di Milano, il deputato socialista rivivrà attraverso le parole del suo ultimo discorso pronunciato alla Camera dei Deputati il 3 Maggio 1924 in cui denunciò i brogli elettorali e le violenze che portarono il Partito Fascista a vincere le elezioni. Liliana Segre, insieme a Claudio Martelli e ai ragazzi della 5C del Virgilio e ad alcuni attori professionisti, rimetteranno in scena l’ultimo discorso di Matteotti nel 95° anniversario del suo assassinio.

La Lancia Lambda sullla quale fu trasportato Matteotti durante il rapimento

“Intollerabile per Mussolini, l’ultimo discorso di Matteotti rese evidente, documentato, di accecante veridicità il modo violento, criminale e gangsteristico con cui i fascisti avevano intimidito gli elettori e falsato i risultati. Matteotti era un leader politico riconosciuto e stimato, segretario del partito socialista unitario, ma quella volta in parlamento parlò come un testimone. Senza giri di parole, senza retorica, senza ideologismi disse semplicemente la verità, tutta la verità nient’altro che la verità. Perciò i sicari di Mussolini e del ministro degli interni lo rapirono, lo bastonarono, lo pugnalarono. Perciò il modo migliore di onorare la memoria di Giacomo Matteotti è di farci anche noi, oggi, testimoni del nostro tempo “, scrive Claudio Martelli.

L’iniziativa, promossa da Critica Sociale con il Centro Internazionale di Brera, e da Macrò Maudit Teater, si svolge con il Patrocinio del Comune di Milano e di “Milano è Memoria”, in collaborazione con l’Istituto Nazionale “Ferruccio Parri”, l’ISEC (Istituto per la Storia dell’Età Contemporanea), il Circolo Carlo Rosselli di Milano e l’ANPI.

Dopo quel discorso, e a causa di quel discorso, Matteotti venne rapito e ucciso dai fascisti, che ne rivendicarono il gesto tramite le parole del loro capo.L’intervento dell’Onorevole Matteotti sarà rappresentato nel suo testo integrale e originale, come è da trascrizione della seduta parlamentare, e verrà teatralizzato e messo in scena con un’accurata scenografia di light design, studiata e realizzata appositamente per quello spazio. L’Onorevole sarà interpretato da alcuni lettori, rappresentanti a vario titolo delle Istituzioni della Repubblica che proprio dal consapevole sacrificio di Matteotti iniziò a nascere. Come successe alla Camera Dei Deputati in quel 23 Maggio di 95 anni fa, anche i “nostri” Matteotti si troveranno al centro di una bagarre parlamentare, interrotti e sostenuti da due gruppi di attori che interpreteranno la maggioranza fascista da un lato, e l’opposizione di sinistra dall’altro.

Ritroveremo dunque, oltre a Giacomo Matteotti, altri protagonisti di quella seduta parlamentare: da Filippo Turati a Roberto Farinacci. Oltre alla trascrizione della seduta parlamentare verranno utilizzati altri elementi audio/video di archivio, che rappresentano punti nodali della storia della nostra Repubblica con Scenografie di Dario Leone e Massimo Guerci Regia di Dario Leone e musiche di Giulia Bertasi e Alessio Lega.

fonte: critica sociale