Logo Fonderie Cervati
Logo Fonderie Cervati

 BRESCIA

venerdì 8 luglio 2016  ore 15

Hotel Vittoria Brescia

CONFERENZA STAMPA

BRESCIA: CAMBIA A PARTIRE DALLE FABBRICHE 

Intervengono: Fabio Rolfi Presidente Commissione Sanità Regione Lombardia

Viviana Beccalossi Assessore al territorio, urbanistica, difesa del suolo

 

Fonderie Cervati: Brescia cambia a partire dalle fabbriche

Finanziata  da Horizon 2020, raggiunge l’obiettivo ottenendo la fase due, la realtà guidata da Stefano Cervati, si candida a modello di sviluppo possibile; un’eccellenza territoriale, partner strategica del mondo automotive e amica dell’ambiente.  Importante riconoscimento al piano industriale delle Fonderie Cervati: il progetto innovativo #Fc21s, elaborato assieme a Europartner Finance ed Inspiralia con la collaborazione di Vibe di Lumezzane e la multinazionale Chem Trend, vince la finale ottenendo la “fase 2” di Horizon 2020. Il progetto valutato molto favorevolmente dalla Commissione Europea già nella prima fase per grado di innovazione opportunità di business e la qualità ed efficienza, ha passato anche il secondo vaglio aprendo la porta al corposo contributo del 70% dell’investimento per un totale di 1.3 milioni di euro. Tradotto in minimi termini, a Brescia arriva un corposo contributo europeo per un investimento che realizza un impatto minore sull’ambiente e un consumo energetico nettamente inferiore ai processi di pressocolata tradizionali; consente risparmi energetici di oltre il 30% e aumenta la produttività in termini di tempo/pezzi prodotti del 15%. Miglioramenti di processo significativi che il cliente finale capisce e apprezza, tanto che sono arrivate da tempo nuove commesse da parte del Gruppo Jaguar Land Rover con una commessa per Range Rover Sport e Range Rover Vogue e in questi giorni la firma di un nuovo contratto per 7 anni per la Jaguar Suv Ibrida che sarà distribuita a partire dal 2017.

BRESCIA HOTEL VITTORIA

Fonderie Cervati dal 1953 in Via Val Camonica a Brescia ha dato lavoro a migliaia di lavoratori e famiglie bresciane e negli ultimi anni ha lottato duramente per superare le difficoltà del settore e della congiuntura economica. Stefano Cervati, con la sorella Federica, terza generazione, è riuscito a tenere in sicurezza i posti di lavoro, oltre 60 ed assicurare una crescita di fatturato, puntando sull’innovazione di prodotto e di processo, partendo da una convinzione: “il destino industriale di un territorio vocato a produrre per laboriosità e passione, oggi deve trovare nell’innovare la fabbrica, la via a rilanciare la produzione “made in Italy”, che a mio dire è eccellente ed unica per antonomasia, adattandosi in ciascuna filiera produttiva alle peculiari esigenze del cliente, del settore e del momento storico. Essere strutturati ma leggeri e veloci è possibile. Così come essere industria e fabbrica deve coniugarsi al rispetto e allo sviluppo ambientale”.

 

Massimo Lucidi

Articolo precedenteMILANO. PILATES WORKSHOP: 8-9 LUGLIO, CENTRO THE ART OF PILATES
Articolo successivo“PER TROPPA VITA CHE HO NEL SANGUE”