Accademia Alice

L’Accademia di Alice Pizza a Milano riapre finalmente le sue porte a tutti gli amanti della pizza desiderosi di imparare a preparare la pizza al taglio, dopo un lungo periodo di stop causato dalla pandemia. A partire dal mese di giugno, nell’Accademia di Corso Buenos Aires sono in programma due appuntamenti settimanali “Mani in Teglia”, per un totale di 10 nuove date, sotto la guida dei maestri pizzaioli di Alice.

Un appuntamento è infrasettimanale, il martedì dalle 18.30 alle 20.30, mentre l’altro si svolge il sabato mattina dalle 10 alle 12 ed è pensato per coinvolgere le famiglie. Entrambi i momenti sono gratuiti e pensati per far conoscere il mondo della pizza al taglio romana. Il corso dura 2 ore ed è accessibile tramite prenotazione. Al termine del corso, ogni partecipante riceverà un attestato di partecipazione, ma soprattutto avrà la possibilità di assaggiare la pizza preparata e di portarla a casa.

Al corso totalmente gratuito possono partecipare i bambini dai 7 ai 12 anni accompagnati dai genitori o da un accompagnatore o un’accompagnatrice. Per questioni di sicurezza il numero di partecipanti per ciascun corso è limitato. Per prenotarsi basta mandare una mail all’indirizzo corsiaccademia@alicepizza.it e attendere conferma.

LA FORMAZIONE

L’investimento formativo è, da sempre, la base fondante del progetto Alice, nonché la sua unicità rispetto ad altri marchi del mondo della ristorazione. Alle origini del successo, c’è infatti un sistema basato sulla trasmissione e la condivisione di uno stesso “sapere artigiano”. A differenze di altre realtà, in cui il prodotto è standardizzato perché realizzato a livello centrale e poi recepito nei singoli punti di vendita, la pizza di Alice viene impastata e condita ogni giorno in ogni pizzeria dalle mani di un pizzaiolo o di una pizzaiola.

Per raggiungere l’obiettivo di una formazione comune nell’ottobre del 2013 è nata a Roma l’Accademia di Alice, la prima scuola di formazione del gruppo, dove si svolge la prima fase della formazione degli aspiranti pizzaioli. Qui i partecipanti al corso hanno modo di imparare gratuitamente i segreti di un mestiere che si tramanda da quasi 30 anni, prima di accedere alla seconda fase della formazione che ha luogo direttamente in pizzeria.

Dopo 7 anni dalla fondazione della prima sede, nel 2020 ha aperto a Milano la seconda Accademia di Alice all’interno della pizzeria di Corso Buenos Aires, con lo scopo non solo di formare nuovi pizzaioli ma di aprirsi anche agli appassionati o semplici curiosi. Per loro nasce “Mani in Teglia”, un corso amatoriale per imparare a fare la pizza al taglio. Questi appuntamenti sono diventati in breve tempo delle vere e proprie esperienze costruite intorno alla pizza, dei momenti di condivisione per imparare, giocare, conoscere e divertirsi.

Di seguito le date dei corsi per il pubblico:

  • Martedì 1 Giugno –  dalle 18:30 alle 20:30
  • Sabato 5 Giugno – dalle 10:00 alle 12:00
  • Martedì 8 Giugno – dalle 18:30 alle 20:30
  • Sabato 12 Giugno – dalle 10:00 alle 12:00
  • Martedì 15 Giugno – dalle 18:30 alle 20:30
  • Sabato 19 Giugno – dalle 10:00 alle 12:00
  • Martedì 22 Giugno  – dalle 18:30 alle 20:30
  • Sabato 26 Giugno – dalle 10:00 alle 12:00
  • Martedì 29 Giugno – dalle 18:30 alle 20:30
  • Sabato 3 Luglio – dalle 10:00 alle 12:00

I corsi saranno visibili anche sul sito www.alicepizza.it

Chi è Alice Pizza

Alice Pizza è una delle più grandi realtà di food retail italiane, caratterizzata da un prodotto totalmente artigianale e di alta qualità e da un format unico ed innovativo nel mondo della pizza. Con un patrimonio di oltre 60 ricette di pizze al taglio, tipiche della tradizione romana della pizza in teglia venduta al peso, Alice conta 180 pizzerie, in Italia e all’estero, e 2000 dipendenti. L’azienda nasce a Roma 30 anni fa e nel 2019 vede l’ingresso di un fondo di investimento italiano, IDeA Taste of Italy, che progetta uno sviluppo ancora più serrato ma con lo stesso obiettivo di sempre: far conoscere la pizza al taglio in Italia e nel mondo.  

Articolo precedenteVarietà di cannabis light: quali sono le più famose e importati
Articolo successivoMarche. Le grotte di Frasassi “Top Playant” per la stampa Internazionale