Andrea Cusumano
Andrea Cusumano

INTERVENTO DEL PROF. ANDREA CUSUMANO

(UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA)

Sono in arrivo nuove e rivoluzionarie strategie terapeutiche per la degenerazione maculare legata all’età (AMD) di tipo atrofico, considerata fino ad oggi incurabile”. È quanto ha svelato il Prof. Dott. Andrea Cusumano dell’Università di Roma “Tor Vergata” in occasione di una recente intervista rilasciata al Tg1 Rai.

E’ in fase III lo studio clinico sull’Anti-factor D, una molecola che, iniettata all’interno dell’occhio, ha dimostrato fino ad oggi di essere in grado di rallentare del 20.4% la progressione della AMD atrofica con drusen confluenti verso lo stadio terminale della patologia, l’atrofia geografica (GA), caratterizzata dalla perdita totale della visione centrale”, ha spiegato Cusumano, “La percentuale di rallentamento sale fino al 44% nei pazienti che presentano una determinata predisposizione genetica. Un’ulteriore emergente novità terapeutica è rappresentata dall’introduzione di un nuovo laser non termico capace di stimolare nella retina la produzione di matrix-metalloproteinases (MMPs), enzimi apparentemente in grado di ridurre/eliminare le drusen maculari, la cui crescita in numero e dimensioni è direttamente correlata all’evoluzione della patologia”.

La recente caratterizzazione della AMD a livello molecolare ha inoltre permesso di creare dei test genetici in grado di fornire informazioni essenziali per ottimizzare il protocollo terapeutico di ogni singolo paziente. “L’esistenza di queste nuove prospettive terapeutiche”, ha concluso Cusumano, “che ci attendiamo essere confermate dagli studi in corso, costituisce una speranza concreta per i pazienti affetti da questa forma di degenerazione maculare legata all’età (AMD)”.

venerdì 6 novembre 2015

Articolo precedente“HOW TO SPEND IT” FESTEGGIA IL PRIMO COMPLEANNO: È IN EDICOLA IL NUMERO DI NOVEMBRE
Articolo successivoICAM PORTAVOCE DELL’ECCELLENZA ITALIANA NELL’ARTE CIOCCOLATIERA