poggio mandorlo 1
Poggio Mandorlo 1

Nella fascia di terra compresa tra le pendici del Monte Amiata e la zona costiera compresa tra Castiglione della Pescaia e Orbetello si snoda – tra borghi medievali, filari di uliveti e vigneti, castelli e oasi naturalistiche di rara bellezza – la Strada del Vino Montecucco e dei Sapori d’Amiata. Arcidosso, Campagnatico, Castel del Piano, Castell’Azzara, Cinigiano, Civitella Paganico, Roccalbegna, Santa Flora, Seggiano e Semproniano sono i 10 comuni (in ordine rigorosamente alfabetico) attraversati dalla Strada. È la più recente delle tre “Strade del Vino della Maremma Toscana”, quella che si colloca in un contesto vitivinicolo di grande prestigio, con vicini blasonati come il Morellino di Scansano o il Brunello di Montalcino, tanto per fare qualche esempio. Protagonista principale della “strada” è il Vino di Montecucco doc. Nel 1998 sono state, infatti, riconosciute le quattro tipologie di vino della categoria: il Rosso, il Sangiovese, il Bianco e il Vermentino. I due vini rossi sono intensi, persistenti e ben strutturati, perfetti in abbinamento con i piatti di carne, i primi di terra e i formaggi più stagionati. Più delicati, fruttati e leggeri i due bianchi, che si rivelano ideali per accompagnare i piatti di pesce e i formaggi meno strutturati. Il Vin Santo Occhio di Pernice di Montecucco doc, infine, si sposa perfettamente con i ricchi dolci della tradizione.

POGGIO MANDORLO

Quattro amici, di diversa provenienza, spinti da una comune passione per l’Alta Maremma decidono di realizzare insieme un sogno: nasce così nel 2001 nel comune di Seggiano, ai piedi del vulcano spento Amiata – nella zona del Montecucco DOC – la Tenuta Poggio Mandorlo. Questo angolo di Toscana dalla suggestiva bellezza paesaggistica si trova proprio al crocevia tra la Val d’Orcia (a 12 km da Montalcino e 5 km dalla famosa Abbazia di Sant’Antimo), e gli avamposti collinari della maremma (a 10 Km da Arcidosso e 60 Km da Grosseto). L’azienda agricola si sviluppa in un incrocio di condizioni climatiche ed agronomiche: le pendici dell’Amiata non sono solo un paesaggio premontano ma anche e soprattutto un susseguirsi di microzone ad altissima vocazione vinicola. Il microclima mitigato dai venti della Maremma e la straordinaria ricchezza dei suoli vulcanici rendono questa zona un piccolo paradiso per la produzione di vini di qualità. Poggio Mandorlo è una realtà fatta di terra, passione e conoscenza, dove la qualità assoluta premia ogni giorno il lavoro delle persone che dedicano la loro vita a produrre grandi vini. È una delle realtà vitivinicole più interessanti della provincia di Grosseto, la cui produzione è un ottimo esempio di espressione di un territorio utilizzando vitigni internazionali. Le vigne sono state impiantate con cloni rari e unici di Merlot e Cabernet Franc di provenienza francese, dalla zona di Saint Emilion (Bordeaux), poi acclimatati in questo territorio unico (intorno ai 400 metri s.l.m.) che si contraddistingue per requisiti di ricchezza e complessità molto utili ai fini della personalità e della espressività del vino. L’immancabile Sangiovese invece proviene dalle ultime popolazioni di Sangiovese accuratamente selezionate a Montalcino. La grande tecnologia disponibile in cantina, la cura certosina dei vigneti e la profonda conoscenza della zona consentono di operare in modo ottimale e di ottenere vini molto diversi tra loro, affascinanti ed unici nella loro complessità.

 

Leggi anche I GRANDI VINI DELLA MAREMMA

 

“AIUTA INSIEME A NOI”

1 euro a sostegno della Protezione Civile

per ogni bottiglia 

acquistata entro il 30 giugno 2020

poggiomandorlo 5

 

Informazioni

info@poggiomandorlo.it   www.poggiomandorlo.it

per ordinare: rborrapoggiomandorlo@yahoo.it 

 

 poggiomandorlo 4