Yamal Impianto Di Gas In Artico Siberiano

I terreni caratterizzati un tempo da permafrost con lo scongelamento hanno reso l’infrastruttura di serbatoi e tubazioni un pericolo difficilmente controllabile.
Inoltre, la forza lavoro che cambia frequentemente nei cantieri edili e negli impianti di produzione di petrolio e gas porterebbe il coronavirus nelle remote aree indigene. Per il governo russo, gli introiti da materie prime nella regione sono ovviamente più importanti della sopravvivenza delle persone sempre più impoverite.
La situazione è estremamente pericolosa per le popolazioni indigene del luogo. L’assistenza medica è stata notevolmente ridotta negli ultimi anni. Non c’è praticamente nulla che possa ostacolare la diffusione del virus.
Negli ospedali da campo costruiti in fretta e furia, gli operatori sanitari non protetti diffondono ulteriormente il virus. Gli indigeni riescono a malapena a nutrirsi perché le norme di quarantena impediscono loro di raggiungere le loro tradizionali zone di caccia e di pesca. Anche il baratto è impossibile a causa delle restrizioni alla mobilità.
Il cambiamento climatico sta già portando a disastri ambientali, soprattutto perché gli standard ambientali e di sicurezza sono stati ovviamente trattati in modo superficiale. È stato solo il 29 maggio di quest’anno che un serbatoio di gasolio appartenente alla società di materie prime Norilsk Nickel è esploso e ha contaminato una vasta area di acque da cui dipendono i pescatori locali dei Nenci e Dolgani indigeni.
Con il progressivo disgelo dei suoli permafrost, con l’avanzare dei cambiamenti climatici, ci si deve aspettare un numero sempre maggiore di incidenti di questo tipo. È stato un buon segnale che la Deutsche Bank ha recentemente annunciato che non finanzierà più progetti di produzione di petrolio e gas nell’Artico.
A questo deve ora seguire la consapevolezza che lo sfruttamento delle materie prime in questo fragile ecosistema è sempre carico di rischi enormi. Questi rischi riguardano in particolare le popolazioni indigene, il cui stile di vita è orientato a questo ecosistema da migliaia di anni ed è altrettanto fragile.
Nel frattempo, la rete indigena russa Aboriginal Forum, che riunisce 42 esperti indipendenti, leader e organizzazioni indigene di 21 regioni dell’Artico russo, della Siberia e dell’Estremo Oriente, ha riferito di un aumento delle epidemie di coronavirus intorno agli impianti di produzione di petrolio e gas.
L’11 maggio, 2.045 persone sono state ufficialmente registrate come infette nel campo di lavoro di un impianto di gas liquefatto del gruppo Novatek vicino al villaggio di Belokamenka nel solo distretto di Murmansk, per un totale di 2.416 persone infette che vivono nel distretto.
L’APM aveva già segnalato un’epidemia incipiente in un cantiere nella stessa regione in aprile. Novatek vi sta costruendo una fabbrica che produrrà piattaforme di perforazione per la produzione di gas naturale nell’Oceano Artico.