Locandina Io credevo in te

Squadra vincente non si cambia. Ed ecco che Giuseppe Cossentino e Nunzio Bellino tornano insieme sul set e segnano un nuovo straordinario   successo con il corto dal titolo “Io credevo in te” che impazza sui social. Il lavoro filmico denuncia l’abbandono degli animali, un tema forte e caldo con il volto intenso e riconoscibile di Nunzio Bellino, attore noto e personaggio tv e la delicatezza della regia e sceneggiatura di Cossentino coinvolge, cattura e commuove gli utenti sui social ed è boom di visualizzazioni e condivisioni. Tanto che su Youtube arriva ad oltre 10 mila visualizzazioni, mentre su Facebook altre 30 mila con ben 130 mila interazioni del post.

Il regista e l’attore firmano un nuovo grande successo volto a sensibilizzare su questa importante tematica.

Io credevo in te è il nuovo cortometraggio denuncia contro l’abbandono dei cani, scritto e diretto da Giuseppe Cossentino, che vede protagonista ancora una volta l’attore e personaggio televisivo Nunzio Bellino. Girato tra Napoli e Castelvolturno e prodotto da Cossentino e Bellino, il cortometraggio è un lavoro volto a sensibilizzare   l’opinione pubblica su questo tema caldo, soprattutto in vista delle vacanze estive. Bellino, animalista convinto, ha avuto l’idea, ed ha coinvolto Cossentino, sempre in prima linea, in qualità di sceneggiatore e regista, a realizzare cortometraggi a carattere sociale. L’idea è stata subito condivisa dall’amico e collega, che ne ha curato testi e regia Nunzio Bellino, attore protagonista del lavoro, è soddisfatto: “È stata un’esperienza bellissima – dice –, ringrazio Giuseppe Cossentino che l’ha resa possibile. Ciò che conta è il messaggio che vogliamo diffondere. In questi mesi, abbiamo vissuto momenti difficili. Dopo i continui lockdown e l’emergenza sanitaria, il rischio è che i cani siano vittime di abbandoni più degli altri anni. Vivono con noi tutto l’anno, fanno parte della famiglia, e devono continuare a esserlo anche in vacanza. Non è tollerabile che si dimentichi l’affetto e la compagnia che hanno donato ai loro padroni durante i lunghi mesi trascorsi chiusi in casa! Portiamoli con noi sempre, anche loro sono la nostra vacanza”.     Giuseppe Cossentino, il regista, aggiunge: “Amo i cani e gli animali in generale; l’abbandono degli amici pelosetti è un atto vergognoso e va denunciato. Mancanza di civiltà e arretratezza culturale sono all’origine dell’abominevole fenomeno dell’abbandono degli animali.” In questo lavoro ci ho messo davvero cuore e anima, anche è la prima volta che dirigo un cane sul set. E devo dire che un cane ed è stato anche divertente”.  L’abbandono dei cani, oltre ad essere un gesto incivile e un reato perseguito in Italia ai sensi dell’art.727 del Codice penale con l’arresto fino a un anno o con l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro, rappresenta la causa primaria del randagismo. Il fenomeno del randagismo implica una serie di importanti conseguenze dal punto di vista igienico-sanitario e sociale. Basti pensare, ad esempio, ai numerosi incidenti stradali causati dal vagabondare di animali randagi e alle possibili patologie da questi trasmesse al bestiame e all’uomo. Contrastare, quindi, l’abbandono dei cani è l’obiettivo del cortometraggio sociale Io credevo in te. Io credevo in te, il protagonista a quattro zampe è Chicco, il cagnolino dell’attore Bellino, fortunato ad avere un padrone che scende in campo.Il lavoro su pellicola è disponibile su tutti i social e il progetto grafico di locandina è realizzato da Ilaria Del Giudice.