Yellow Piazzetta
Raffaella Parisi
A cura di Raffaella Parisi

La condivisione è il cardine di WellowSquare, il nuovo ostello milanese in zona Porta Romana, in via Lattuada tra il teatro Parenti e i bagni misteriosi. Inaugurato nei giorni scorsi. Non solo pernottamento, ma anche ampia area comune per intrattenimenti sia gli ospiti che per gli esterni. L’idea dell’ostello “dinamico ed internazionale” è dei fratelli Fabio e Marco Coppola che, dopo la positiva esperienza romana, hanno scelto Milano in una location di oltre 1800 metri quadrati di area comune, due palazzine, 98 posti letto in dormitori misti (prezzi tra i 25 e i 35 euro) e 29 camere private (da 65 a 110 euro), dotate di aria condizionata e di bagno privato. Nelle aree condivise vi sono un bar, una grande sala eventi per incontri e musica dal vivo, un rilassante cortile privato, lo spazio co-working Smart Square, un Dance Club sotterraneo, una grande cucina per pasti condivisi e per cooking class, l’hair-saloon firmato Contesta Rock Hair e una Play Area dove cimentarsi con fitness, arti e danza. Vi è un hub esperienziale per fare nuove conoscenze, cimentarsi in lezioni di cucina o di dj-set, scoprire la città da vero local, fare yoga al tramonto e ascoltare musica. La filosofia degli ideatori è quella del rispetto, inclusione e sostenibilità, quest’ultima, si concretizza sia nei servizi green 100% plastic-free del bar e della cucina, sia nella decorazione degli spazi: in ogni camera gli ospiti trovano dei murales di un animale italiano in via d’estinzione realizzati dallo street artist Lorenzo Ticci in arte Cancelletto.

Innovativo tech-design in metallo dei mobili delle stanze e delle strutture che caratterizzano tutti gli spazi comuni: dall’accoglienza all’ingresso, all’ombreggiato cortile. I due dinamici fratelli non si fermano, con Luigi Boccaforno terzo socio e cugino fra poche settimana inaugurano il terzo ostello italiano, YellowSquare di Firenze.

Milano | Via Lattuda 14
https://www.yellowsquare.it

Articolo precedenteMilano, inaugurazione Pacifik poke
Articolo successivoMilano. Alla Galleria Cael  una collettiva  “ART IN MIND”