Torino via Roma
Torino Via Roma

L’imminente edizione di Choccolatò, la manifestazione tutta dedicata al cioccolato made in Italy e internazionale che tornerà a Torino dall’8 al 17 novembre, è l’occasione giusta per concedervi un weekend ‘dolce’ ma non solo nella capitale sabauda. Oltre ai portici e i negozi dove lo “chic” è una normalità, scoprirete quanto sia bella la città in questa stagione autunnale grazie ai colori che avvolgono la sua collina e i suoi parchi cittadini. Una visita e una sosta sono d’obbligo in uno dei tanti caffè dove si respira la “storia” e dove pare che il tempo si sia fermato e dove si possono consumare eccezionali cioccolate. Passeggerete in una città romantica forse una delle città più belle da visitare in questo periodo. Naturalmente Torino non è solo “Choccolatò”. In questi ultimi anni Il Salone del Libro e Il Salone del Gusto sono diventati appuntamenti internazionali di grande rilievo. Il Salone del Libro a maggio riproporrà i suoi prestigiosi incontri con autori ed editori, Il Salone del Gusto riproporrà (a ottobre) i temi che da sempre lo hanno ispirato, l’amore, la cultura, la passione per la propria terra, confermando ancora una volta con quanto impegno con quale passione Carlo Petrini e il suo Slow Food hanno voluto questa grande manifestazione.

Un week end a Torino vi darà l’imbarazzo della scelta nelle visite da fare. La Mole Antonelliana, simbolo della città con il suo Museo del Cinema, piazza Castello, vero cuore storico della città, il Palazzo Reale e i suoi giardini la galleria dell’Armeria, un vero tuffo nel passato, il Teatro Regio, il Palazzo Madama, il Duomo intitolato a San Giovanni, patrono della città, che custodisce la Sacra Sindone. Per non dimenticare il Parco del Valentino con il suo Castello, lo straordinario Museo Egizio, recentemente ristrutturato ed ampliato, secondo solo a quello del Cairo, il Teatro Carignano, il Museo dell’Automobile che consente di ripercorrere la fantastica storia dell’auto. Sul tetto del vecchio Lingotto una idea spaziale di Renzo Piano per raccogliere i dipinti della Pinacoteca Gianni e Marella Agnelli. In questa piccola pinacoteca potrete trovare dipinti di Canova e Tintoretto, opere dei futuristi italiani e di grandi impressionisti francesi. E poi lo spettacolo che offre la collina di Torino che trovi dolce e gradevole al di là del Po. E ancora l’estrema eleganza di Piazza San Carlo e di via Roma… senza dimenticare mai a Torino di far visita ad una delle sue “botteghe” di formaggi. Torino merita assolutamente un lungo week end sarebbe la scelta migliore per vivere questa città “magica”, non solo perché si è sempre respirata l’aria delle arti magiche, ma perché oggi la si deve osservare con la voglia di scoprirla passo dopo passo, camminando per le sue strade e stradine, i viali e le piazze anche in quelle alle quali i torinesi hanno cambiato nome, come la piacevolissima Piazza Carlina, in realtà Piazza Carlo Emanuele II, situata poco vicino al Museo Egizio e con la sua Chiesa di Santa Croce oggi dedicata al rito ortodosso. Non si deve essere appassionati di calcio per fare una visita allo Juventus Stadium, un vanto della città primo stadio in Italia senza barriere architettoniche. Non si può visitare Torino senza ricordarsi magari verso l’imbrunire di affacciarsi sullo scorrere lento del Po provando la sensazione davvero magica di percepire nello scorrere delle sue acque le tante storie e le tante favole di questa città.

Essere a Torino e non visitare la Reggia di Venaria Reale sarebbe una grave mancanza che vi obbligherebbe a tornare perché è uno straordinario gioiello architettonico. L’imponente complesso della Reggia si sviluppa su un tracciato di 2 km, notevoli la Galleria Grande e la Cappella di San Uberto (santo dei cacciatori) meravigliosi i giardini del grande parco. Un particolare da sapere la Reggia di Venaria Reale è stata dichiarata dall’UNESCO patrimonio dell’umanità ed è fra i primi 5 siti culturali più visitati del nostro Paese.

Alessia Placchi