24orenews Web E Magazine

LA TERRA DEGLI ALBERI D’OLIVO PARLANTI UN PROGETTO INTEGRATO DI VALORIZZAZIONE DEGLI ALBERI DI OLIVO MONUMENTALI e di adozione  IL PRIMO FUMETTO CHE PARLA DI STORIE REALI: GLI ALBERI D’OLIVO SECOLARI CON IL VOLTO UMANO NELLA TERRA DEL SALENTO

 

Il Salento non è solo “sole, mare e vento”. E’ soprattutto una delle più importanti e antiche zone in Italia per la produzione olivicola con un numero di alberi monumentali e secolari unico al mondo. Circa 6 milioni di piante plurisecolari e monumentali sono presenti in Puglia. Le varietà di olive salentine, la Cellina di Nardò, l’ Ogliarola di Lecce, la Coratina barese e la Peranzana foggiana sono fra le varietà di olive più ricche al mondo di sostanze antiossidanti, pulitrici delle arterie e fra le più apprezzate per il profilo gustativo e organolettico. La “ SECOLARITA’ ” degli alberi monumentali del Salento è una caratteristica unica da far conoscere e valorizzare per le seguenti ragioni:

 

1. Sono gli unici testimoni viventi della antica storia del Salento.

2. Sono opere d’arte naturali: per ragioni ancora sconosciute moltissimi alberi monumentali hanno incredibilmente sviluppato sulla loro corteccia il volto umano e degli animali.

3. Ci sono degli studi di istituti di ricerca che dimostrano come il valore nutrizionale e organolettico degli olii extra vergini di oliva proveniente da piante secolari, sia preziosissimo, anche per i bambini. La dimensione e l’ altezza delle piante di olivo secolari rendono tuttavia particolarmente costosa la raccolta delle olive dall’albero. La scarsa conoscenza dei veri fattori distintivi della qualità degli oli da oliva, da parte dei consumatori rende difficile la consapevolezza dei costi che stanno dietro ad un olio extravergine di oliva di qualità. Oggi uno dei più gravi pericoli per l’agricoltura italiana e salentina e per i bisogni primari di sopravvivenza della popolazione è quello dell’invecchiamento progressivo dell’agricoltore, che oggi ha un’età media superiore ai 60 anni. Non è un fattore da sottovalutare. I giovani rischiano di abbandonare il lavoro della terra perché lo ritengono antieconomico e si sa che una popolazione che abbandona la terra abbandona se stessa. Bisogna quindi creare fra i produttori agricoli una nuova consapevolezza e diffondere nel territorio un maggior rispetto per i nostri alberi di olivo monumentali, “giganti d’ oro”. Occorre creare i presupposti per attrarre i giovani e ringiovanire il settore; premiare il lavoro degli imprenditori agricoli nelle campagne. Vogliamo sviluppare una più attenta cultura del consumatore verso i veri elementi qualitativi delle produzioni agricole, coinvolgerli nei processi di tracciabilità dei prodotti agricoli, garantirli con processi produttivi visionabili, avvicinarli alla vita rurale di luoghi, come il Salento, ancora intatti e meravigliosi. Vogliamo incentivare la cooperazione fra tutti gli operatori agricoli, dell’ artigianato, dell’ ambiente, della ricettività turistica, le scuole, gli istituti di ricerca e gli enti pubblici. Sono questi gli scopi e le azioni perpetuate dall’ associazione “I custodi di Olivinopoli” . Garantire il consumatore significa soprattutto documentarlo e coinvolgerlo nei processi di tracciabilità e di trasformazione del prodotto, partendo dalla materia prima fino al prodotto finito. E’ questo l’obiettivo del progetto di “adozione degli alberi di olivo” portato avanti dalla nostra associazione, dice Angelo Amato, presidente, produttore ed assaggiatore di olio Chi vorrà adottare un albero di olivo potrà innanzitutto sceglierselo, attraverso una banca dati internet e

sulla base della varietà di olive, della localizzazione della pianta, della sua età, della sua altezza e anche della sua faccia.

 

Adottando un albero di olivo secolare il consumatore riceverà: 1.un attestato di adozione della sua pianta con la descrizione, appunto, del nome, dell’età, delle caratteristiche della stessa e della sua localizzazione;

2.un poster della sua pianta;

3.10 litri di olio extra vergine di oliva estratto a freddo dalla sua pianta;

4.L’olio prodotto dalla pianta di ulivo adottata potrà anche essere imbottigliato in bottiglie

personalizzate e regalato alla persona che ci indicherà con dedica personalizzata: l’ideale regalo per un’occasione speciale.

5.un abbonamento gratuito annuale al fumetto “Olivinopoli” che racconterà la storia degli alberi di olivo secolari del Salento;

6.una certificazione, attraverso un foglio illustrativo, relativa al ciclo di vita della pianta e alla sua cura e lavorazione (fioritura, potatura, lavorazione del terreno, stato di maturazione delle olive, potatura, raccolta, molitura…);

7.una relazione circa il risultato delle analisi chimiche effettuate sull’extravergine da un ente