capsula vini Alto Adige
Capsula Vini Alto Adige

Il marchio attesta l’origine del prodotto e ne garantisce la qualità

Gran debutto a Vinitaly. Grazie al nuovo marchio si punta ad una maggior chiarezza presso il consumatore e a sottolineare provenienza e identità dei vini altoatesini

Sulle capsule delle bottiglie dei vini Doc i produttori dell’Alto Adige potranno in futuro apportare la nuova scritta “Südtirol”, accompagnata dalla silhouette delle montagne che caratterizzano questa terra di confine tra Austria ed Italia. Ma non solo: il nuovo logo – composto dalla scritta bilingue “Südtirol Wein – Vini Alto Adige” corredata dall’immagine della capsula – si ricollega al marchio ombrello che interessa anche turismo e prodotti alimentari di qualità. Si è voluto così creare una sinergia sicuramente di grande efficacia, molto apprezzata da Thomas Widmann, Assessore provinciale all’Economia, che parla con favore della decisione presa dal settore vitivinicolo: È giusto puntare su un nuovo marchio che rispecchia chiaramente il collegamento con il marchio ombrello. In Alto Adige si producono prodotti di altissima qualità che sono degli eccellenti portatori di immagine per la nostra Provincia. Grazie all’alto grado di apprezzamento di cui godono, contribuiscono in maniera determinante a diffondere la conoscenza dell’Alto Adige a livello internazionale.

Abbiamo lavorato sul progetto di un nuovo corporate design per i nostri vini per questioni di marketing spiega Armin Dissertori, Presidente del Consorzio Vini Alto Adige, il nostro scopo è quello di identificare senza incertezze il territorio di produzione dei nostri vini. Rappresentiamo solo lo 0.7% della produzione nazionale e possiamo giocare solo questa carta per fare squadra e massa critica.

Ad oggi sono 40 le aziende che hanno aderito al progetto e con le loro bottiglie rappresentano il 75% della produzione DOC altoatesina, un ottimo risultato sempre secondo Armin Dissertori che aggiunge: Credo che entro tre anni il 90% della produzione avrà il logo unico.

A sostegno della visibilità del nuovo marchio comune è stata pianificata anche una campagna di spot televisivi, in onda sulle reti nazionali fino a metà maggio.

Per eventuali approfondimenti è possibile rivolgersi a Helmuth Zanotti, tel. 0471 978528, e-mail: consorzio@vinialtoadige.com.

I mercati: la produzione media di vini DOC in Alto Adige si aggira ogni anno attorno ai 40 milioni di bottiglie: il 48% circa viene assorbito dal mercato locale grazie anche ad una massiccia affluenza turistica in ogni mese dell’anno. Al resto d’Italia è destinato il 20% dell’imbottigliato mentre il mercato estero più importante è quello tedesco, con una quota del 15%. Seguono Svizzera con 6%, Stati Uniti con il 5%, Austria con il 3%. Il restante 3% è suddiviso tra tutti gli altri paesi, prima tra tutti la Gran Bretagna.

Thurner PR, Firenze