24orenews Web E Magazine

 
 

ASP, PROROGATA CAMPAGNA ANTINFLUENZALE FINO ALLA FINE DI GENNAIO

Il picco previsto per la seconda metà del mese: fino a oggi vaccinati 190mila utenti

CATANIA – C’è tempo fino agli ultimi giorni di gennaio per effettuare il vaccino antinfluenzale. Il direttore generale Giuseppe Calaciura annuncia infatti che è stata prorogata di alcune settimana la campagna dell’Asp Catania, che include soggetti di età maggiore ai 64 anni (nati prima dell’1 ottobre 1946) e soggetti a rischio da 6 mesi fino a 64 anni. L‘Azienda sanitaria di Catania pur confermando la disponibilità di altre dosi di vaccino per gli utenti, rimane in attesa di ulteriori disposizioni da parte dell’Assessorato regionale alla Salute per eventuale proroga della Campagna vaccini. 

«La precedente stagione influenzale era stata caratterizzata da una “pandemia” causata dall’emergere di un “nuovo” virus, che aveva avuto un picco anticipato nei mesi di ottobre-novembre 2009 – spiega Mario Cuccia, responsabile del servizio di Epidemiologia e prevenzione dell’Azienda sanitaria etnea – viceversa, l’andamento attuale dell’influenza presenta uno sviluppo abbastanza tipico di quanto si registra negli anni non pandemici. Infatti, la circolazione dei virus sta iniziando solo ora la sua crescita, ed è prevedibile un picco probabilmente a cavallo fra la fine del mese di gennaio e l’inizio di febbraio. Al riguardo, è bene ricordare che l’andamento della temperatura può condizionare sensibilmente la circolazione dei virus, che prediligono il “freddo”».

Nella provincia di Catania che conta circa 1.080.000 abitanti, secondo una stima approssimativa, sono stati già vaccinati circa 190mila utenti, ma c’è ancora disponibilità di vaccini per rispondere alle esigenze degli anziani, ma soprattutto di quelle categorie cosiddette “fragili”, che comprendono giovani pazienti affetti da malattie croniche, come il diabete, le cardiopatie e le difficoltà respiratorie. Il bilancio è stato fatto in questi giorni, anche perché il ministero della Sanità ha sollecitato le Regioni a far ripartire la campagna vaccinale dopo quello che è successo in Gran Bretagna, dove nelle ultime tre settimane l’influenza ha avuto impennate preoccupanti: 500 i casi giudicati molto gravi tra i giovani, con decine di decessi.  

A tutti coloro che non credono all’utilità della vaccinazione anti-influenzale il dott. Cuccia risponde: «Le informazioni derivanti dalla sorveglianza virologica, effettuata dall’Istituto Superiore di Sanità ci dicono che i virus influenzali attualmente in circolazione sono proprio quelli contro i quali è stato predisposto il vaccino per questa stagione. Possiamo quindi affermare che l’efficacia sarà elevata e coloro i quali hanno scelto di vaccinarsi nelle scorse settimane saranno ben protetti. Nelle ultime settimane sono emersi dati preoccupanti sulla virulenza che il ceppo AH1N1 avrebbe manifestato in soggetti giovani – a rischio e non – non vaccinati. Se si considera che questo ceppo è contenuto nel vaccino predisposto per l’attuale stagione e che il tempo necessario perché la vaccinazione produca una efficace reazione immunitaria è di circa 15 giorni, risulta ancora utile vaccinarsi, soprattutto in Sicilia dove la circolazione dei virus influenzali è più tardiva».

Pertanto, i cittadini che desiderano vaccinarsi possono ancora utilmente farlo, recandosi presso gli  ambulatori di vaccinazione dell’Asp o dal proprio medico di famiglia.


CATANIA, AMBULATORI DOVE E’ POSSIBILE EFFETTUARE IL VACCINO

·         Ambulatorio di Via Pasubio: aperto da Lunedì a Venerdì  8.30 – 12.30,  vaccinazioni per adulti e bambini

·         Ambulatorio di Stradale S. Giorgio