IMG 4885bis
Img 4885bis

Ideato da Pasquale Fuda, sviluppato con il supporto di un gruppo di investitori guidati Andrea Tessitore, Vivoqui permette di cercare casa attraverso una rata di mutuo costruita su misura delle proprie esigenze, facilitando il processo di compravendita per utenti, venditori e società creditizie. Un nuovo format per comprare casa, un motore di ricerca semplice e innovativo che abbina le disponibilità economiche degli utenti con l’esigenza di acquisto di un immobile. È online ‘Vivoqui’ (www.vivoqui.it), il portale che mette al centro dell’attenzione l’utente che vuole comprare casa. Vivoqui nasce dalla visione e dall’esperienza di Pasquale Fuda, fondatore e amministratore delegato, ed è stato sviluppato grazie ad un gruppo di investitori guidati da Andrea Tessitore, presidente della società con l’idea di portare sul mercato una piattaforma che semplifichi realmente il percorso d’acquisto grazie anche alla partnership con società di mediazione creditizia di primario standing.“Con Vivoqui vogliamo portare sul mercato una novità che unisca le funzionalità presenti in diversi siti del mercato immobiliare, ma con una propria specificità che la differenzi da tutti gli altri. Una nuova modalità di ricerca degli immobili basata su quanto ogni singolo utente intende spendere mensilmente per la sua rata di muto, che è e sarà per il prossimo futuro la modalità più utilizzata per acquistare un immobile” – afferma Andrea Tessitore.“Il portale Vivoqui nasce e parte dalla realtà che è rappresentata dalla disponibilità finanziaria mensile di ogni acquirente. Alle migliaia di euro che talvolta allontanano domanda ed offerta, proponiamo un focus sul potere di acquisto mensile che, messo in prospettiva di un mutuo a lungo termine, rappresenta poche decine di euro al mese”– afferma Pasquale Fuda.“Vivoqui – continua Fuda – rappresenta una grande opportunità anche per gli operatori immobiliari, i quali potranno pubblicare i propri annunci con un format di vendita vincente e quindi con maggior opportunità di portare a termine una compravendita. Vivoqui non stimola solo il cambiamento del metodo di ingaggio dell’utente, ma permette la costruzione della propria rata di muto, attraverso alcuni parametri individuali specifici. Vivoqui è un vero e proprio elaboratore di dati immobiliari e dati creditizi, e compara offerte di settori strettamente collegati tra loro, per favorire l’intero comparto. Il nuovo approccio genererà ottimismo”

La novità di Vivoqui nasce da una semplice considerazione: oggi la ricerca di una casa è nella maggior parte dei casi accompagnata da una pratica di mutuo. Infatti circa 55% delle compravendite ad uso abitativo si effettua con l’ausilio di un mutuo, oltre il 60% se consideriamo una serie di acquisti che spesso non sono reclamizzati. LTV cresce dal 71%, a circa l’80% se considerati i soli immobili di target medio basso. Possiamo pertanto affermare che l’acquisto di una casa è incentrato sulla disponibilità finanziaria mensile degli acquirenti, ovvero sulla rata di mutuo. Vivoqui allarga gli orizzonti e avvicina domanda e offerta.Un vero supporto per gli acquirenti, per le agenzie immobiliari per le società creditizie che erogano mutui: i pochissimi step online renderanno la piattaforma Vivoqui un punto di riferimento per l’acquisto di una casa. Coniugando le funzionalità di un simulatore di mutuo ed un portale prettamente immobiliare, Vivoqui cancella in un solo colpo i numerosi step e il girovagare su vari siti di chi è intenzionato a comprare casa, permettendo in un unico passaggio l’individuazione dell’immobile e la rata del mutuo.Il portale “utente centrico” Vivoqui si inserisce all’interno di un mercato immobiliare che in Italia è in continua crescita, ma che stenta a fermare la caduta dei valori immobiliari. Per gli aspetti legali VivoQui.it è stato assistito dallo Studio Legale Associato K&L Gates con il team di start-up/scale-up coordinato dall’Avv. Arturo Meglio e comprendente anche il counsel Avv. Lorenzo Fratantoni e gli associates Chiara Gavarini per gli aspetti societari e contrattuali e l’Avv. Agnese Schinelli per i profili di data protection.