Taglio della torta dei 90 anni di Don Mazzi con Gabibbo
Taglio Della Torta Dei 90 Anni Di Don Mazzi Con Gabibbo


MILANO IN  PIAZZA CASTELLO

L’AMICO DI TUTTI 

DON MAZZI

FESTEGGIA I SUOI 90 ANNI

Don Mazzi con Gabibbo

Milano. Don Antonio Mazzi Amico di Tutti, classe 1929, sacerdote dal 1956, che ha offerto, donato e dedicato la propria Vita e il proprio apostolato all’accoglienza di chi vive nelle periferie, aiutando i più bisognosi, gli ultimi e gli emarginati, messaggio forte che conquista ogni sensibilità, abbatte ogni pregiudizio e fa breccia direttamente, in ogni cuore. 

Il Team di Bergamo

Compleanno davvero speciale per il Don che ama profondamente Dio, doppia festa, infatti quest’anno è stato costruito “Lo Spazio della Solidarietà”, una tensostruttura che ha accolto tante idee regalo alternative per tutti da farsi e da fare nell’attesa, del Santo Natale che viene, della tanto attesa: Lieta Novella, l’arrivo del Re dei Re: ovvero la Nascita di Gesù. Per onorare questo evento hanno donato 300 Aziende Amiche che credono nell’importanza della Solidarietà, e oggetti realizzati dai ragazzi nei vari Laboratori creativi, e il cui ricavato è interamente devoluto a sostegno delle numerose attività dei 40 Centri di Exodus, di cui Don Antonio ne è il fondatore, facendone la storia, presenti su tutto il territorio nazionale e anche all’estero. Ecco come ama festeggiare il suo 90esimo anno di atà  Don Antonio ( 30 Novembre 2019 )  in coincidenza dei 35 anni di “Exodus”  ( 1984 ) all’insegna dell’Amore e in compagnia dei suoi ragazzi e dei tanti Amici accorsi da tutte le parti per rendergli omaggio del grande uomo e amico che ha sempre dimostrato di essere concretamente e attivamente con tanta dedizione e affetto , mettendo in luce l’importanza dei tanti piccoli gesti solidali, di profondo  valore, che assieme permettono a tutti i volontari, educatori e collaboratori di stare accanto ogni giorno a tanti ragazzi e alle loro famiglie, così proprio come dicono dalla Fondazione. Don Antonio, un giovane ribelle così come ama definirsi, è stato mandato a scuola dai preti, quando un giorno: “…. Era l’alluvione del Po, mentre sulla barca con i pompieri che rischiavano la vita per quella degli altri  andavamo a tirare giù i bambini dai tetti,… c’erano ragazzi che avevano perso tutto, a cominciare dalla famiglia, non avevano più un padre o una madre, quindi decisi di dedicarmi a loro, diventare una figura paterna e aiutarli a crescere: questo mi ha spinto a diventare sacerdote “, comprendendo ancora di più nel tempo che “ Sono i poveri a farci scoprire il mistero della presenza di Dio “ . Subisce la perdita del papà in tenera età,  come si evince anche dai suoi scritti  Ringraziando Tutti per i tantissimi messaggi di affetto che lo hanno inondato , anzi come ama definirli : abbracciato da tutti gli auguri ricevuti nel giorno del suo compleanno : “… Vi ringrazio ancora, perché avete permesso che il vuoto che avevo dentro per un padre che non ho mai conosciuto potessi riempirlo Amando Voi, e anche quando mi fate arrabbiare vi voglio bene lo stesso. Forse di più. Ma voi, promettetemi che farete di tutto per evitare di farmi arrabbiare! Ciao ciao ciao a tutti, con grande affetto! …A me non bastavano otto, dieci figli. Per me tutti i figli del mondo sono miei figli, veri, più veri di me. E questo mi sconvolge un’altra volta. È il mio cuore così grande da tenere dentro il mondo, oppure, passando di qui per caso il Padreterno, mi ha prestato il suo? …. (don Antonio Mazzi)   30 novembre 2019 arrivano gli auguri più sinceri, sentiti e affettuosi dai suoi ragazzi:  A te che ogni giorno ci insegni che anche a 90 anni si può vivere di stupore e di follia, di nuove sfide e di sogni… Tanti Auguri Don! Dai tuoi ragazzi, gli educatori, i collaboratori e i volontari di Exodus. E l’avventura continua… “Gli abbracci non invecchiano mai!”  #ciaociaociao e… vi auguro almeno un abbraccio al giorno!   (Don Antonio Mazzi)

Festa di Don Mazzi

Don Mazzi,90anni appena compiuti, non si è mai lasciato fermare dalle etichette dei perbenisti e dei benpensanti, non ha mai smesso di cercare le persone nascoste dietro gli errori, gli insuccessi, le colpe. Con Cairo ha appena pubblicato un libro “Amo i ragazzi Cattivi” (Cairo Editore ndr), correte nelle librerie per acquistare, leggere e scoprire un altro suo stupendo capolavoro …«La vita non è fatta di aggettivi – buono, cattivo, intelligente, negligente, ribelle – ma di verbi. Nascere, crescere, studiare, lavorare, amare, odiare, parlare, ascoltare. Se poi i verbi li coniughi, allora ti accorgerai del capolavoro che hai davanti» . In questo libro racconta i tanti ragazzi “cattivi” che ha incontrato e conosciuto nella sua vita, un racconto fatto di “tante storie di ragazzi e di educatori”. Ecco l’orizzonte di ogni avventura educativa, fatta di speranza, di cammino, di incontro. In queste pagine, accoglie le voci di chi, incrociando Exodus, ha cominciato a camminare e a sperare, di chi ha imparato a vedere negli altri una famiglia e in sé stesso una risorsa, di chi, cattivo, non si è accontentato di diventare buono, ma è diventato ottimo e che la rinascita è sempre possibile, in qualunque momento, per ognuno di noi. Alcuni importanti e fondamentali messaggi che ama condividere con Tutti:

SPAZIO EXODUS IN CASTELLO SFORSESCO

LA SCUOLA RIAPRE COMINCIA UN NUOVO ANNO E ALLORA…

Buona scuola ai ragazzi, perché possano affrontare il loro tempo come un’avventura bella, positiva e imparino le cose importanti della vita.  Buona scuola agli insegnanti, perché sappiano guardare negli occhi i loro studenti e trasmettere spirito critico, competenze e passione. Buona scuola ai genitori, che siano validi compagni di viaggio per i loro figli rispettando i loro passi con fiducia. Buona scuola agli amministratori, ai politici e agli adulti che devono prendere decisioni. Perché finalmente capiscano che la sana crescita dei ragazzi è il cuore del loro impegno. Buona scuola alla scuola. La scuola è come un bosco, o se si preferisce un giardino, con tanti alberi.  Giovani, vecchi, maestosi, rinsecchiti, forti, fioriti o spogli. Che la scuola, ogni albero della scuola, si prenda la responsabilità di potare i rami vecchi, di togliere le rigide impalcature che tengono in piedi vecchie carcasse, ma che impediscono lo sviluppo di nuovi germogli, di interrogarsi incessantemente sul proprio senso. La scuola è la palestra di vita dei ragazzi e l’incubatrice della nuova società. L’arte più grande è quella di saper vivere e di non perdere mai un giorno!  Prendetevi l’abitudine di cercare il lato migliore delle persone e delle situazioni. Scoprirete che questo atteggiamento porta non solo all’ottimismo e alla positività, ma addirittura alla serenità. Perché tra la gente c’è ancora tanta bontà, e tanta voglia di benessere!  “Dipingete la vostra vita con le vostre azioni…pensateci!  #ciaociaociao (Don Antonio Mazzi)  Possano giungerti i grazie per tutto il bene e l’esempio che hai sempre e continui e continuerai a compiere per salvare le vite di tanti giovani. Possano giungerti eterno bambino e amato Don  i più sinceri, sentiti e affettuosi Auguri da tutto il team Gigi Mater ( eccellenza orafa italiana, Mater azienda che produce oggetti sacri )

Ospiti del Compleanno di Don Mazzi con la Bloggher Konny Bilotta tra i tanti Uban Cairo                                                                                                                                     Konny Bilotta