figadej
Figadej

VIGEVANO E’  

questo mese dedicata all’enogastronomia

e ai prodotti tipici del territorio

come il fegatello,

in dialetto vigevanese figadej.

VIGEVANO: In provincia di Pavia, circondata dai boschi del Parco del Ticino, a soli 30 chilometri da Milano, Vigevano accoglie il visitatore con l’armonia della celebre Piazza Ducale: “una sinfonia su quattro lati” secondo la definizione del grande maestro Arturo Toscanini. Una città dallo spirito rinascimentale, in cui anche Leonardo si fermò per contemplarne e arricchirne la bellezza a oggi non ancora contaminata dal turismo di massa. Una città tutta da scoprire e vivere anche attraverso i suoi eventi e prodotti tipici, come il FIGADEJ uno speciale insaccato di fegato di maiale con lardo e aromi. Un piatto che arriva da quelle antiche tradizioni dei nostri nonni e che oggi troppo spesso si dimenticano a favore di cibi più moderni e industriali, ma che una volta si trovava in tutti i negozi di alimentari. Riscoperto negli ultimi anni, grazia anche alla ricerca del Centro Studi Tavola, è stato poi denominato prodotto De.C.O della città ducale insieme ai biscotti Cent Franc e alla Torta Viginuna. Il fegatello o meglio Figadej in dialetto vigevanese si mangia come si vuole: freddo, caldo, tagliato a pezzetti o a fettine, accompagnato con polenta oppure con sottaceti. È tradizionalmente considerato un antipasto, però nel passato – specialmente con la polenta – poteva costituire un piatto unico o anche un secondo. Per riscoprire questi piatti della tradizione di Vigevano, ma anche di tutta la Lomellina con i diversi prodotti tipici, domenica 28 ottobre la manifestazione “Vigevano è”, si trasforma in un grande percorso enogastronomico tra i sapori della tradizione lomellina e lombarda. Prodotti da acquistare, degustare e conoscere anche attraverso i menù proposti dai ristoratori con i diversi prodotti della nostra terra. Il 28 ottobre però il visitatore si potrà far guidare, oltre che dai profumi e dai colori dei prodotti enogastronomici, anche dagli eventi musicali e dalle visite guidate teatralizzate dedicate quest’ultime a Lucio Mastronardi, scrittore vigevanese autore de “Il Maestro di Vigevano”, da cui fu poi tratto dal l‘omonimo film interpretato da Alberto Sordi. Un modo diverso per scoprire la città.

Articolo precedenteMILANO. I’ve Seen Films – Masterclass con Rutger Hauer e la nona giornata di proiezioni – INGRESSO GRATUITO
Articolo successivoMILANO. I’ve Seen Films – SVELATE LE NOMINATIONS DELLA QUINTA EDIZIONE DEL FESTIVAL