Sorriso r

Pochi lo sanno ma i nostri denti non restano sempre fermi e potrebbero spostarsi nel corso della vita. Il movimento dei denti anzi è un problema tanto diffuso quanto preoccupante che può avere cause tra loro molto diverse. Se però parliamo di uno spostamento minimo dei denti allora non dovremo farci prendere dal panico in alcun modo in quanto si tratta di uno spostamento fisiologico e naturale. Se questo movimento però diventa più accentuato ecco che la causa potrebbe essere una patologia insidiosa come la parodontite che, se non curata, potrebbe portare anche alla caduta dei denti.

Le cause dello spostamento dentale

La nostra bocca è in evoluzione continua e quindi possiamo considerare come normale uno spostamento dei denti dal momento che la mandibola cresce in avanti per tutto il corso della nostra vita. Questa crescita potrebbe causare l’avvicinamento delle due arcate dentali andando poi a spingere i denti. Stiamo parlando però di un processo lento che non è possibile percepire, ma che può essere tenuto sotto controllo con i giusti dispositivi ortodontici.

Oltre alla parodontite un’altra possibile causa di spostamento graduale dei nostri denti è sicuramente la crescita dei denti del giudizio o terzi molari. Questi denti infatti sono gli ultimi a spuntare nella nostra bocca e capita abbastanza frequentemente che non trovino lo spazio adeguato alla loro crescita ottimale. Ne consegue che gli altri denti sono costretti a spostarsi di conseguenza. Infine anche l’invecchiamento è una delle cause naturali di spostamento dei denti in quanto le labbra con il tempo si assottigliano sempre di più provocando una maggiore pressione sui denti.

Si tratta comunque di un problema da non sottovalutare ancor più che esistono patologie specifiche che potrebbero velocizzare questi spostamenti e aumentarne l’intensità. Molti dentisti comunque consigliano il bite notturno soprattutto per contrastare le conseguenze di un altro problema: il bruxismo. Stiamo parlando in questo caso del digrignamento involontario dei denti, un problema che potrebbe danneggiare i denti in modo rapido in quanto chi ne soffre digrigna e stringe i denti nel corso della giornata senza nemmeno accorgersene. Applicando una pressione continua avviene tipicamente una usura eccessiva a carico dei denti con il rischio di cambiamenti nella forma e di danni ai tessuti circostanti.

Rimedi efficaci per lo spostamento denti

Quando ci sono delle asimmetrie da correggere, i dentisti possono suggerire il ricorso ad apparecchi ortodontici. Tuttavia, utilizzare l’apparecchio significa avere denti in posizione meno stabile, per cui alla fine del trattamento, il loro spostamento potrebbe essere accentuato. Per evitarlo, si può utilizzare una contenzione notturna (anche se dentalpharma ha rilevato alcune controindicazioni legate al bite notturno). Naturalmente la cura dell’igiene orale e le visite periodiche di controllo dal dentista possono contribuire ad evitare che il fenomeno dello spostamento si verifichi. Il bite può essere utile anche in caso di bruxismo, quando è molto importante proteggere i denti con un dispositivo protettivo al fine di evitare il rovinamento dello smalto.

Invece, un eventuale problema di disallineamento dei denti non si può risolvere da solo e richiede necessariamente un trattamento di ortodonzia. Al giorno d’oggi possiamo contare anche su soluzioni discrete e di grande impatto estetico come ad esempio gli apparecchi invisibili. Queste sono soluzioni che vengono sempre più spesso adottate anche da adulti proprio perché sono altamente estetiche e consentono di tornare a fare una vita del tutto normale. Quasi sempre comunque è il dentista ad accorgersi del problema dello spostamento dentale, quasi sempre durante una seduta di pulizia dentale professionale. Nei soggetti che soffrono di parodontopatia, ad esempio, i denti si spostano poiché i tessuti di sostegno sono stati danneggiati e non riescono più a svolgere la propria funzione.

Articolo precedenteSalute: l’importanza delle visite di controllo
Articolo successivoRoma. Ecofuturo Festival 2022, la IX edizione del Festival delle Ecotecnologie