frequenza sesso
Frequenza Sesso
'Quante volte è giusto farlo?'

La domanda sta in agguato a lungo nella nostra mente, ma prima o poi riesce a farci cadere in trappola. I confronti numerici cominciano pian piano ad intrufolarsi nella nostra vita sessuale portandoci una sensazione di inadeguatezza, o nell’ipotesi peggiore una crisi coniugale. Ma perché la frequenza dei rapporti viene considerata un termometro del benessere sessuale? Perché è facilmente rilevabile, cioè misurabile. In una società come la nostra che si basa su concetti come efficacia ed efficienza, neanche il sesso sfugge al rigido inquadramento della statistica. Nelle culture orientali ciò non accade perché vien data più importanza alla qualità che alla quantità dei rapporti sessuali.

Ma torniamo alla domanda iniziale. La media, dicono le ricerche più recenti, è di 1-3 volte per settimana. Il primo errore che possiamo commettere è quello di considerare questo valore come indice di normalità. Ognuno di noi possiede i propri ritmi; quindi è meglio stare alla larga da confronti che potrebbero farci sentire erotomani da una parte e asessuati dall’altra. Secondo errore: essere convinti che la frequenza dei rapporti debba rimanere la stessa nell’arco della vita. La pulsione sessuale, pur mantenendo sempre un ruolo positivo, subisce un’accelerazione nella pubertà seguita però da un declino lento ma costante. Lo stato sociale gioca la sua parte: essere fidanzati, single, sposati, separati non è proprio la stessa cosa. Per non parlare poi del lavoro e delle vacanze, che ci offrono due opportunità del tutto contrapposte per poterci esprimere sessualmente.

Anche fenomeni fisiologici come la gravidanza e l’allattamento possono influenzare le nostre abitudini. Terzo errore: ostinarsi a far coincidere la propria frequenza ottimale con quella del partner. Molto meglio riconoscere la nostra diversità e risolvere il problema stabilendo ad esempio turni settimanali in cui alternativamente l’uno e l’altro si decide quando avere rapporti. Troppo schematico? Poco romantico? Forse, ma comunque in grado di diminuire le conflittualità e aumentare il senso di appagamento nella coppia. Concludiamo con un ultimo errore, il più grave dal punto di vista sessuologico: utilizzare la frequenza dei propri rapporti come alibi per essere infedele all’altro o come lotta di potere. “Cara, non avrei voluto tradirti ma sai, i nostri rapporti sono così rari…” oppure “tu non mi lasci uscire con le mie amiche? E allora io evito di avere rapporti con te”. Sono situazioni che vi consiglio di evitare, a meno che vogliate sì aumentare la frequenza… ma dei vostri episodi ansioso-depressivi!

Dr. Roberto Bernorio

 

 

Dr. Roberto Bernorio
Specialista in Ginecologia

Psicoterapeuta
Sessuologo clinico
www.robertobernorio.it

LOGO AISPAA.I.S.P.A.

Associazione Italiana Sessuologia Psicologia Applicata

Presidente Prof. W. Pasini

Via Marostica 35, 20146 – Milano

www.aispa.it