Armani Casa 2022 Giorgio Armani

In occasione del Salone del Mobile, Giorgio Armani presenta presso Armani/Silos una selezione di mobili e complementi Armani/Casa: pezzi di recente creazione accanto a classici consolidati del marchio, espressione di un’estetica che definisce in modo inconfondibile il mondo dell’abitare, fatto di ricerca formale, preziosismo materico, sottile multiculturalismo e un senso unico della rarefazione. Negli spazi brutalisti del Silos, prende vita una vera e propria mostra, con una sequenza di ambienti suggestivi che mette in scena i pezzi contestualizzandoli nel reticolo delle ispirazioni da cui nascono. Seguendo il linguaggio tipico dello stilista, fatto di evocative rielaborazioni e sottrazioni, lo spettatore ha modo di sentire e immaginare il viaggio creativo che porta dallo spunto all’arredo finito, cogliendone in modo emozionale l’essenza. A questo allestimento unico fanno eco le vetrine del negozio Armani/Casa in corso Venezia dove in occasione del Salone del Mobile sarà presentato anche un nuovo concetto di cucina.
“In questi ultimi anni mi sono concentrato sugli aspetti essenziali del mio vocabolario stilistico. Sento il bisogno di riaffermare nel design così come nella moda gli elementi fondanti che definiscono lo stile Armani. Questo allestimento, pensato in occasione del ritorno del Salone del Mobile in presenza, è un modo per attraversare la mia estetica nei suoi aspetti salienti, mettendone in evidenza connessioni, suggestioni, rimandi. Per la prima volta uso gli spazi del Silos per creare un’esposizione che regala un’esperienza immersiva ed emozionale nel mondo Armani/Casa”, dice Giorgio Armani.

L’allestimento

L’allestimento si dipana come un percorso libero tra le ispirazioni, i temi fondanti e i riferimenti ricorrenti di Armani/Casa: gli anni ’30 e ‘40, le atmosfere e l’estetica dell’Oriente, Cina e Giappone in particolare, il viaggio, il mondo della natura. Introdotta da una proiezione di LOGO LAMP – archetipo dell’abitare Armani disegnata dallo stilista nel 1982 – e chiusa da un “dietro le quinte” che rende tangibile il processo creativo, l’esposizione presenta otto temi per otto ambienti, ciascuno animato da uno sfondo in movimento.
A partire dall’acqua, simbolo di vita e rigenerazione, che scorre sotto varie forme nel mondo Armani. Nel quadro dedicato a questo elemento tutto è calma, serenità: un ambiente liquido, sommerso, accoglie e mescola riferimenti naturali ed eleganza anni ’30 e ‘40, catturati nella texture scabra dello shagreen, riprodotta sulla pelle che riveste il secretaire STENDHAL e la coiffeuse con interni a scomparsa ANTOINETTE.
Materiali ricercati e finiture speciali sono un segno che ricorre in Armani/Casa: preziosismi lineari che rimandano all’Art Déco nelle forme, nell’uso di legni, marmi, quarzi e conchiglie. In questo quadro le sensazioni tattili diventano spazio, definito da tessere a mosaico di madreperla: un effetto ipnotico e prezioso amplificato in ogni elemento d’arredo, come nella scrivania OLIVIA.

Il tessuto, elemento connettivo tra moda e arredo, è protagonista del quadro definito da note di verde acqua e dal movimento fluido della seta. La versatilità di questa materia, tessile prezioso per eccellenza, è tradotta nell’idea di comfort in un’ambientazione intima che accoglie il letto MORFEO, dalla struttura sospesa.
L’equilibrio di finiture, texture, trattamenti, risolto nella linearità mossa che appaga l’occhio e il tatto, rimanda in modo astratto a elementi tradizionali del Giappone e della sua architettura domestica, evocati nel quadro caratterizzato da pannelli di lino trattato, percorso da un motivo geometrico di linee rosso lacca. Qui trovano spazio il mobile bar con la superficie laccata CLUB, che rivela un inaspettato interno rivestito in seta jacquard con motivo di ventagli, i tavolini PURO e la chaise longue ONDA.
La rarefazione estrema dell’estetica orientale è evocata con un gusto astratto nello spazio dedicato alla Cina che ospita le sedie JYLIA in legno laccato, disposte a creare una figura simbolica quadrilobata, in un ambiente interamente rivestito di nero. Potente il contrasto tra il rosso, colore della gioia e della fortuna, e lo spazio annullato dal non colore.
Anche il mondo vegetale è eco costante nel lessico Armani. Il ritmo verticale del bambù, elemento d’elezione, su cui si posa leggerissima la libellula, fa da sfondo al paravento in legno paulownia millerighe SIDE e ad alcuni pezzi alleggeriti, quasi a sfidare le leggi di gravità: la sedia SHARON, con i contorni di legno canaletto, compatto ed elegante e il servo muto SUITE dal fascino retrò.
La natura, il viaggio e la scoperta dell’esotismo sono rappresentati dal quadro dedicato alla tigre, il felino che domina l’anno corrente nello zodiaco cinese. Mai letterale, Giorgio Armani ha scelto di evocarne il manto, con gusto quasi surreale, nel tessuto SAO PAULO che riveste il divano dalle linee curve RENOIR.
L’equilibrio tra tradizione locale e culture lontane, il dialogo fra passato e presente, sono evocati anche nel quadro dedicato al veliero. Qui trovano spazio la poltrona PASCAL, ispirata alle sedute dei transatlantici di inizio Novecento, con finiture tradizionali arricchite dall’accostamento a materiali contemporanei come la resina e il metacrilato, e il tavolo SPACE, in noce canaletto con gambe in plexiglass.

Gli accessori

La collezione di accessori recupera influenze, materiali, lavorazioni e motivi diventati nel tempo stilemi identificativi di Armani/Casa, contestualizzandoli nel vivere quotidiano e in due momenti: la stagione fredda, evocata da tinte invernali, e la vita all’aperto interpretata da colori decisi che echeggiano le suggestioni Déco delle ultime collezioni moda di Giorgio Armani.
Per la stagione fredda, la ricca proposta è ispirata alla predilezione dello stilista per l’ambiente montano innevato. La collezione ripensa oggetti e funzioni d’uso, come il porta plaid da viaggio in cuoio SCARLETT, con tracolla e ganci in metallo per le tanichette, e il piccolo thermos in acciaio SAMBUCO, dalla superficie testurizzata. La coperta in pura lana, con il cuscino abbinato, è offerta nelle varianti SIENNA, SHIRLEY, SELMA che ripropongono, ciascuna, disegnature classiche dell’abito maschile, nei toni del beige e del marrone.
Sono parte del tema anche il contenitore per il bagno SECRET, cilindrico e girevole, in legno effetto canneté e il backgammon SIR che arricchisce la proposta di giochi da tavolo.

Costante è la ricerca di un approccio il più possibile sostenibile. Tessuti di collezioni precedenti sono utilizzati per i nuovi placemat SARA, per i cuscini cilindrici SVEVA e per le grandi scatole contenitore effetto damier con struttura di cuoio SILVIA. Completano la proposta oggetti sorprendenti creati per le attività all’area aperta: la slitta in legno SNOW, il cavalletto da studio per pittura con il contenitore di tela SANZIO, le mazze per il croquet SAETTA, la palla da allenamento, completamento ideale del set fitness PUMP.