TAVOLE DI CRESPI

DESIGN E STORYTELLING NELLE TAVOLE DI MARTINO CRESPItavole in Mostra

tavole in MostraAllo Spazio Pio XI  protagoniste al DESIGN.WEEK le tavole di Martino Crespi, event manager di successo e maestro della mise en place tavole in Mostra 2

Le tavole di Martino Crespi, ideatore e regista di eventi che lavora soprattutto con le grandi firme del lusso, sono ormai diventate un brand. Le tavole imbandite dall’event manager milanese sono diventate un riferimento di estro e di originalità. Quelle tavole, scelte per occasioni di grande autorevolezza e richiamo, quali le cene dell’Academy degli Oscar, rappresentano una categoria a parte nel mondo del design. E proprio durante la Design Week sarà possibile vedere alcuni esempi dell’arte di Martino Crespi, che a Milano, nello Spazio Pio XI (piazza Pio XI, 5), dal 16 al 18 aprile,  ha presentato alcune tavole allestite con le nuove collezioni di Geminiano Cozzi 1765, Mepra e Carlo Moretti, tre brand che interpretano al meglio la grande tradizione dell’Italian style.Bicchieri, piatti, posate e complementi delle tre autorevoli firme saranno presentati su alcune tavole concepite da Crespi, che in ogni occasione diventano un’emanazione dell’evento stesso, contribuendo al racconto, creando una forte connessione con il mood prescelto. Come nota Martino Crespi, “ogni volta che penso a una nuova tavola cerco di mettermi alla prova e di entrare in sintonia con il tema dell’evento. In ogni progetto mi piace cercare segrete affinità elettive tra gli oggetti, puntando spesso sulla contaminazione di stili, giocando anche con i contra-sti, dando vita a un racconto dove sono protagonisti il gusto e il piacere della convivialità”.Tavole in Mostra Milano

Nelle tavole di Crespi, il design ha un ruolo di primo piano. Nelle sue invenzioni scenografiche pensate per stupire e deliziare i commensali va in scena un mix riuscito tra spirito contemporaneo e tradizione: il gusto del design di oggi si confronta con eleganza con richiami all’arte del passato e da questi abbinamenti nascono nuove alchimie di stile. Nel corso degli anni Crespi ha messo a punto una serie di creazioni che si legano ora al corso delle stagioni, con le loro luci e i loro colori, ora alle tendenze, che non di rado vengono anticipate da in-venzioni esuberanti e ricche di fascino, ora alle grandi tradizioni, rivisitate sempre con estro e origi-nalità. Anche nelle tavole concepite per questo evento Crespi ha voluto creare vere e proprie sce-nografie in miniatura, accostando oggetti scelti tra le nuove collezioni di Geminiano Cozzi 1765, Mepra e Carlo Moretti, dando vita a una serie di ideali racconti di stile, creando uno storytelling inedito, che gioca con le suggestioni della storia e del gusto. Geminiano Cozzi 1765 Estro, originalità, lusso. Tre parole che definiscono la storia di Geminiano Cozzi 1765, fin dal suo inizio. La manifattura, nata dall’ingegno e dalla creatività di un avveduto e poliedrico imprenditore che Venezia incoronò con fama e successo fino al momento della sua prematura scomparsa, trova oggi in Martino Crespi uno dei più attenti interpreti della bellezza delle sue collezioni. Al fianco del brand fin dal momento della sua rinascita, non c’è decoro, forma, oggetto che Martino Crespi non abbia valorizzato nei suoi numerosi eventi. L’esposizione Tavole in Mostra è per Gemi-niano Cozzi 1765 l’occasione per far debuttare le sue novità, entrambe un esercizio di leggerezza ed eleganza della migliore fine bone porcelain: Burano, una nuova forma, un’interpretazione decisa e sensuale del classico motivo a festone; Arena, un decoro bianco su bianco, trame sovrapposte, luce accecante.Tavole in Mostra particolare

Non mancano le collezioni emblematiche, quelle speciali, tutte accomunate dal gesto sa-piente dell’interprete Martino e accompagnate dagli ottimi compagni di tavola. Mepra Il piacere di sedersi a tavola con le persone più care, il gusto di cucinare, l’allegria di condividere momenti unici con gli amici e i piccoli oggetti quotidiani che ci accompagnano queste occasioni speciali. Tutto questo anima ciascuna delle collezioni Mepra, dove il gusto per il design e la ricerca della massima qualità, si sposano con il gusto della tavola tradizione e cucina italiana. Dal 1947 l’at-tività di Mepra è quella di produrre posate e altri articoli in acciaio per la ristorazione e per i miglio-ri negozi del mondo, utilizzando solo i migliori materiali e prestando la massima attenzione alle fi-niture. Coniugare l’esperienza maturata nel settore delle forniture alberghiere con il gusto per desi-gn, rivolto alle più raffinate boutique di liste nozze e articoli per la casa, Mepra ha sviluppato una serie di prodotti accanto a quelli tradizionali innovativi e all’avanguardia, che seguono le nuove ten-denze della moda e della ristorazione. Carlo Moretti Dal 1958 Carlo Moretti produce a Murano pezzi unici per le tavole e le case più belle del mondo unendo la secolare tradizione dei maestri vetrai ad una sensibilità progettuale contemporanea. Complici il luogo in cui nascono, la magia della materia da cui sono plasmati, la forza espressiva del loro design, il potere seducente del colore, gli oggetti Carlo Moretti hanno conquistato anche le tavole meravigliose create da Martino Crespi. “Tavole in Mostra” è stata l’occasione per presentare le creazioni più recenti, bicchieri storici e bestseller. Tavole in mostra by Martino Crespi, Spazio Pio XI, piazza Pio XI, 5, Milano.Posate Tavole in Mostra

About  Martino Crespi
Martino Crespi, titolare della Martino Crespi Events, inizia la carriera come organizzatore di concerti. Poi firma una lunga serie di eventi spettacolari, caratterizzati dalle atmosfere sognanti e dalla cura riservata alle tavole imbandite. A lui si sono affidati molti brand del mondo del lusso e tanti personaggi dello spettacolo. Oltre a ciò, Crespi ricopre anche il ruolo di event manager a livello europeo dei JRE-Jeunes Restaurateurs, associazione che riunisce talentuosi interpreti della cucina contemporanea, spesso coinvolti nei suoi eventi. Ma è anche un grande appassionato di fotografia, e in veste di curatore, ha firmato varie mostre di maestri del calibro di Rino Barillari, Jason Bell, Francesco Escalar, Riccardo Ghilardi, Douglas Kirkland e David Montgomery. www.martinocrespievents.it

Articolo precedenteNapoli. Al teatro Serra debutta Giacomo Casula “Love”
Articolo successivoGite di primavera, Citterio e Lombardia Segreta insieme