Gravidanza e alimentazione

La gravidanza è un periodo speciale per ogni donna che genera sicuramente tanta gioia e felicità ma che implica al tempo stesso alcune preoccupazioni. Infatti, quando si è in stato interessante bisogna adottare una serie di attenzioni volte a favorire uno sano sviluppo del feto, per questo motivo bisogna prestare maggiore cura dell’alimentazione da seguire e ai cibi che possono o meno essere consumati durante la gravidanza.

Uno degli alimenti che genera spesso perplessità nella futura madre, circa la possibilità o meno di consumarlo, è la mortadella. Un insaccato dal gusto davvero eccezionale, che può essere consumato in diverse occasioni, ma che sembra essere un tabù durante il periodo gestazionale. È davvero così?

Si può mangiare la mortadella in gravidanza? Dubbi e consigli

Durante la gravidanza, tra i diversi alimenti proibiti vi sono gli insaccati. Questa fuorviante affermazione genera spesso confusione circa la possibilità di poter consumare o meno alcune tipologie di alimenti. Molte sono le gestanti che, ad esempio, si chiedono perché non si può mangiare mortadella, ma in realtà, questo salume in quanto soggetto a cottura non rientra tra gli insaccati e i salumi “proibiti”.

Infatti, sebbene in gravidanza sia proibito il consumo di prosciutto crudo, salame, pancetta e tutti gli alimenti crudi o poco stagionati, non vi è alcun limite per la mortadella. Meglio ancora se si acquista un prodotto di prima qualità e dalle ottime caratteristiche e valori nutrizionali, magari con un basso contenuto di sale e di colesterolo.

Regole alimentari in gravidanza: quali alimenti mangiare e come farlo nel modo giusto

Durante i nove mesi di gestazione è opportuno che la madre segua una serie di regole alimentari per riuscire a nutrire sé stessa e il nascituro nel modo opportuno. Per tale ragione, il ginecologo esprime la necessità di seguire una dieta variegata, che assicuri la corretta assunzione di tutti i nutrienti. Oltre a questa indicazione, il medico avverte la gestante di prestare molta attenzione alla modalità di preparazione dei cibi.

Tra i cibi da preferire in gravidanza, vi sono la carne, il pesce, i legumi, la frutta e le verdure. È molto importante, infatti, optare per la giusta quantità di vitamine, carboidrati e proteine. È necessario, inoltre, incrementare il consumo di alimenti che contengano una buona percentuale di acidi grassi essenziali, come la frutta secca.

Durante la prima visita di controllo, il medico pone alla madre una serie di regole circa la preparazione dei cibi: frutta e verdura devono essere perfettamente lavate, mentre alimenti quali carne e pesce devono essere cotti alla perfezione e bisogna evitare il consumo anche di insaccati poco stagionati e ovviamente di pesce crudo, crostacei e molluschi. In questo modo, si riduce il rischio di sviluppare condizioni rischiose per la formazione del feto, quale lo sviluppo della salmonellosi o la comparsa di alcuni agenti patogeni nell’organismo come il toxoplasma.

La gestazione è un momento magico, che però può portare con sé molte paure. Affidarsi ad alimenti sani, controllati e nutrienti e alla consulenza del proprio ginecologo aiuta a vivere la gravidanza in modo tranquillo senza lasciarsi condizionare da paranoie o da preoccupazioni eccessive.