cloud computing

L’introduzione della fattura elettronica obbligatoria in sostituzione a quella cartacea tradizionale ha semplificato la gestione fiscale delle imprese e dei professionisti. Contemporaneamente, ha spianato la strada allo sviluppo tecnologico volto a migliorare i processi aziendali.

Una maggiore apertura verso le soluzioni digitali. Gli effetti della pandemia da coronavirus e la relativa crisi economica stanno gradualmente rivoluzionando anche il modo di fare impresa. Lo sostiene un’indagine condotta da Idc ­– società leader mondiale in market intelligence e ricerche di mercato – su un campione di circa 800 produttori manifatturieri. Secondo la ricerca, il 70% dei soggetti intervistati è intenzionato a investire in tecnologie che consentirebbero di colmare l’attuale divario digitale. In un’ottica di sopravvivenza, progresso e sviluppo, le imprese italiane sono chiamate a riprogrammare i loro processi e le loro attività.

La chiave per ripartire e avere successo nell’immediato futuro sta proprio nella trasformazione digitale. Le grandi, medie e piccole imprese del nostro Paese si trovano di fronte a una sfida importante per introdurre nuovi e vincenti modelli di business. Si tratta di cogliere al volo un’opportunità di innovazione, che ha avuto il suo punto di partenza con l’introduzione della fatturazione elettronica obbligatoria. Una soluzione che si è rivelata come una concreta e reale svolta in termini di semplificazione della gestione fiscale per le aziende e i professionisti italiani. Ancor di più, grazie alla disponibilità di software dedicati come Fatture in Cloud, che consentono di gestire la fattura elettronica ma anche preventivi, pro-forma, prima nota, scadenziari e molto altro.

Il programma consente di creare con estrema rapidità e in maniera semplice i documenti, proprio come richiesto dalla vigente normativa. Una volta compilato il file, il programma appone la firma digitale qualificata, inoltra l’e-fattura tramite il Sistema di Interscambio e provvede alla conservazione digitale a norma. La fatturazione elettronica offre pertanto vantaggi esclusivi in termini di risparmio di tempo (i processi di creazione e archiviazione diminuiscono sensibilmente), di denaro (riduzione delle spese di spedizione e di stampa) e di spazio (non è più necessario raccogliere i documenti cartacei all’interno di numerosi e voluminosi faldoni).

Qualsiasi impresa o lavoratore autonomo può pertanto beneficiare dell’utilizzo di un gestionale per la fattura elettronica. Si tratta di un primo ma necessario passo verso la trasformazione digitale, importante e vantaggioso, che apre la strada verso uno scenario di evoluzione tecnologica divenuto oramai indispensabile.

Articolo precedente“La cura non ha età”: intervista a Roberto Persiani, Presidente EuropaColon Italia
Articolo successivoKlima: l’app che con un clic riduce le emissioni di CO2